10 marzo 2020, la consacrazione di Ilicic al Mestalla (con la dedica alla città di Bergamo)

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Esattamente due anni fa avveniva una delle imprese più grandi della storia dell’Atalanta Bergamasca Calcio: la serata della consacrazione di Josip Ilicic, autore di un poker tanto bello da vedere quanto decisivo per le sorti della Dea in Champions League. Riavvolgiamo il nastro e riviviamo quella serata in quel di Valencia tra soddisfazioni, emozioni, festeggiamenti e solidarietà nei confronti della città di Bergamo.

10 marzo 2020, Bergamo sta passando il periodo più buio della sua storia: la Pandemia ha messo in ginocchio tutti, specialmente gli ospedali del territorio e tutto il suo personale medico. La città è colpita duramente, ma i bergamaschi stanno dimostrando (com’è nel loro DNA) forza in questi momenti di difficoltà tra unione, forza e compassione verso il prossimo. Dall’altra parte, in quel di Valencia, l’Atalanta ha l’obiettivo di passare gli ottavi di Champions: cercando di portare un po’ di sorriso a quella gente che l’ha sempre sostenuta sugli spalti.

fonte foto (JZsportnews)

Spalti, quelli del Mestalla, vuoti creando una vera e propria atmosfera surreale. La partita prende una linea nerazzurra (due rigori realizzati da Josip che ribattono la rete di Gameiro), ma è nella ripresa che avviene la consacrazione di Ilicic. Il Valencia si porta sul 3-2 senza fare i conti con il fuoriclasse atalantino. Tra il 72′ (che coincidenza) e l’82’ sono dieci minuti dove la giostra comincia a girare: prima la tripletta al termine di un perfetto uno-due con Zapata; poi il poker con un sinistro imparabile. 3-4 e quarti di finale all’Atalanta, con la dedica nel finale tramite la maglia “Bergamo, Mola Mia”. L’illusionista vince il premio come Man Of The Match: il punto più alto della carriera di Josip Ilicic.

Autore dell'articolo: Filippo Davide Di Santo