16 febbraio 1997, Atalanta-Vicenza 3-1: successo nel ricordo di Chicco Pisani

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La scomparsa di Chicco Pisani è stato un vero e proprio colpo al cuore per la città di Bergamo: un ragazzo tanto talentuoso quanto genuino tradito per sempre da un destino infame. Si arriva al 16 febbraio 1997, l’Atalanta affronta il Vicenza per quello che si preannuncia uno scontro diretto per la UEFA. Nonostante ciò, il clima è di profonda commozione, specialmente sugli spalti. Indelebili gli striscioni “Il cielo sembrerà più piccolo con te che dribbli e corri tra le nuvole” e “Ciao Chicco salutaci le stelle”. Il piccolo particolare sta nella maglia numero 14 appesa alla rete di recinzione della stessa Curva Nord.

Dopo un primo tempo abbastanza contratto, i nerazzurri passano in vantaggio con Foglio tramite assist di Morfeo (i due migliori amici di Pisani). A quel punto tutti i giocatori vanno sotto la Curva a baciare la maglia di Pisani tra lacrime e commozione. Filippo Inzaghi chiude i conti segnando una doppietta portando il risultato sul 3-1. Domenico a fine partita dichiarerà: “Avrei preferito non giocarla questa partita nonostante la vittoria”. Nei giorni successivi la società Atalanta ritirò la maglia numero 14, dedicandogli anche la Curva Nord che da lì si chiamerà Curva Pisani. Il tutto con una squadra che sale al terzo posto in classifica, ma il risultato passa in secondo piano nella memoria di chi, quel pomeriggio, era presente.

Autore dell'articolo: Filippo Davide Di Santo