Crostata salata mix di cereali

Crostata salata mix di cereali, un gusto alternativo

intopic.it feedelissimo.com  
 

La Crostata salata mix di cereali è nata casualmente dopo aver scoperto il gusto della zuppa mix di cereali.

Da qualche tempo, c’era nell’aria la voglia di sperimentare qualcosa di nuovo, così dopo un paio di tentativi ho creato questa crostata salata..

Il risultato è stato gradito tantissimo e ovviamente, considerando che è durata poco in casa, ho deciso che valeva la pena dedicarla a voi.

Crostata salata mix di cereali, ingredienti per la base

220 g di farina 00

60-70 ml di acqua fredda

30 ml di olio d’oliva

30 ml di vino bianco

sale quanto basta

Iniziamo a preparare la base per la Crostata salata mix di cereali

In una ciotola versare una parte di farina, l’acqua, l’olio, il vino, il sale, poi con una forchetta impastare fino a far addensare il composto.

Appena questo risulta leggermente duro, infarinare un piano da lavoro e versarvi l’impasto continuando a lavorare con la restante farina.  Se l’impasto sembra appiccicoso aggiungerne un altro po’.

Otterrete così  una palla morbida, liscia ed elastica ma non appiccicosa. Fate riposare il composto per 40 minuti riprendendolo solo dopo.

Trascorsi i 40 minuti, la prendiamo e la stendiamo con un mattarello cercando di creare una sfoglia molto sottile.

Poi la versiamo delicatamente in uno stampo per crostate (26 cm Ø ) oleato oppure imburrato e infarinato dal quale ritaglieremo i bordi. La pasta avanzata va tenuta da parte per la decorazione, avvolta nella pellicola trasparente. Lasciamo riposare in frigo.

Crostata salata mix di cereali, ingredienti per la farcia

Una confezione da 250 g di cereali mix (orzo, avena, farro ecc.)

una cipolla

spezie a piacere (io ho usato aglio, prezzemolo, Pepe Nero, curry, curcuma, maggiorana e origano).

Olio Evo quanto basta

120 ml di vino bianco

1-2 cucchiai di acqua di cottura

Dado vegetale  

200 ml di panna da cucina

2 uova

Crostata salata mix di cereali: come si prepara la farcia

Mettiamo a bollire dell’acqua e nel frattempo prepariamo un soffritto con un giro d’olio, le cipolle tagliate a piacere e le spezie;  tutte a fuoco vivace per un minuto.

Appena iniziano a sfrigolare, aggiungere la metà del vino, abbassare la fiamma e far stufare la cipolla delicatamente. Mi raccomando sia la cipolla che l’aglio non devono bruciare.

Se vi piace, potete aggiungere anche del peperoncino. Appena si ritira la parte liquida, aggiungere un altro po’ di vino bianco e lasciare da parte il restante.

Spegnere il fornello lasciando coperto a marinare e nel frattempo l’acqua sarà arrivata a bollore per cui iniziamo a far cuocere i cereali.

Su ogni confezione è indicato il tempo di cottura al dente, questo va rispettato per la riuscita della crostata. A 3 minuti circa dalla cottura dei cereali, aggiungiamo due cucchiai di acqua di cottura al soffritto di cipolla e spezie. Riaccendiamo la fiamma a livello moderato e aggiungiamo il dado, (se non lo gradite salate leggermente).

Scolare i cereali e versarli nella padella e farli rosolare leggermente a fiamma vivace, accompagnati dal restante vino bianco, girando spesso. Così  eviteremo di fare attaccare il composto.

In 5 minuti, non di più mescolando spesso il tutto è pronto. Si spegne e si lascia riposare coperto qualche minuto.

Ora prendiamo i 200 ml di panna da cucina e aggiungiamo due uova. Bisogna sbattere con una frusta a mano,  tenendo poi il composto ottenuto da parte.

Adesso versiamo i cereali cotti nel composto di panna e uova e giriamo con un cucchiaio in modo da amalgamare tutto e far risultare i due composti omogenei.

Crostata salata mix di cereali: Conclusione

A questo punto riprendiamo la base e vi versiamo la farcitura livellando bene. Decoriamo a piacere con la pasta avanzata.

Facciamo cuocere in forno a 180° per 40-45 minuti. Il lieve color nocciola della pasta indicherà la cottura. Fate raffreddare e servite.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Stefania Di Francescantonio