Il colore dell'inganno

‘Il colore dell’inganno’, un thriller di Alessandro Sola

intopic.it feedelissimo.com  
 

L’autore Alessandro Sola, con il suo secondo romanzo ‘Il colore dell’inganno’, edito da Pathos ad aprile 2019, presenta un thriller puro di genere, incline a una certa sperimentazione psicologica. Il romanzo ha una marcia in più rispetto ai classici thriller pubblicati da neo scrittori.

Il colore dell’inganno, un romanzo che narra di una storia criminale avvincente

Il colore dell’inganno getta in pasto alla crime story una predisposizione riflessiva che direziona senso e verso in ogni orizzonte plausibile. Un viaggio l’autore compie attraverso ambiguità caratteriali ascrivibili ai personaggi e anche alle vittime, abilmente contrastate dal meticoloso metodismo investigativo del commissario Tommaso Fuoco. Ne consegue che la linea, ipoteticamente divisoria tra identità di vittima e carnefice, si assottiglia sempre più fino a quasi sparire del tutto.

In sincerità, torna alla mente – per ambientazioni e intenzioni narrative – La donna della Domenica di Fruttero e Lucentini per via degli interminabili scheletri nascosti negli armadi dell’alta borghesia locale, ma Il colore dell’inganno si distingue abilmente per una ulteriore profondità interrogativa, capace cioè di scavare a fondo nella sezione più primitiva delle pulsioni umane più oscure.

Il commissario Fuoco deve indagare sull’omicidio del giovane Davide Brown, di famiglia benestante. Una vicenda linearmente investigativa, dove pagina dopo pagina, si snodano sempre più frequenti ricorsi e situazioni misteriose. Un intreccio che diventerà un vortice mortale tutto da decifrare. Saranno le spiccate capacità introspettive e visceralmente analitiche del commissario a portare lui e il lettore in aperto contrasto con l’ambiguità più primordiale e indicibile dell’animo umano. Tra luci e ombre che si fanno portavoce di maschere e apparenze laceranti.

Inganni inaccettabili

Nessuno, in Il colore dell’inganno, è mai veramente innocente, in un modo o nell’altro.

Ed è un concetto che lo scrittore riesce a conferire dispiegando le motivazioni più inaccettabili di inganni, sospetti e manipolazioni. Il tutto allo scopo di delineare i tratti di una morte fisica, che è anche deflagrazione interiore di spirito e moralità in una città che assume le sembianze di un microcosmo psicologico e sociale senza più fantasmi da celare.

 

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Lisa

Avatar
LDG Contributor Laureata in psicologia, collabora come redattrice per la testata giornalistica ftNews, occupandosi della sezione cultura (poesie, arte, prosa). È Editor sul quotidiano "Paese Roma": giornale partecipativo. È contributor per Blasting News. Nella vita è impiegata in una società di telecomunicazioni. E' scrittrice e poetessa, il suo ultimo libro è "Daylight" per quanto riguarda le poesie. Invece per i fumetti ha pubblicato in collaborazione con un altro artista la serie "Human's end" e un saggio dal titolo: "La mostruosa arte di Go Nagai".