Mostra d’arte personale a Padova di Sciame: “Il disegno del colore”

intopic.it feedelissimo.com  
 

L’artista abruzzese: Marco Sciame, sarà presente con una nuova mostra d’arte personale, a partire dal 1 dicembre 2018 al 29 dicembre 2018, presso la Galleria CD Studio d’Arte di Padova, via Buonarroti 131, ore 18.

Il Disegno del colore: viaggio nel divisionismo lineare

Il gallerista Carlo Silvestrin parla in questi termini del talento abruzzese: “Lavorare nel mondo dell’Arte, soprattutto creare opere d’Arte, non è mai stato facile, emozionante certamente sì, ma non facile.

Cadere nella banalità sia nel creare opere che nel proporre Artisti che abbiano qualcosa di interessante da esprimere con capacità e competenza tecniche è una delle “trappole” di cui è costellato questo ambiente.

Ecco perché è sempre più difficile che un Artista abbia il coraggio intellettuale di proporre nuove forme di espressione ed ancor più che un Gallerista o un Mercante accettino la scommessa di puntare su nuovi talenti; “paga” di più seguire la corrente, accodarsi a scelte già fatte da altri, non rischiare su nomi nuovi.

Noi ci proviamo. Perché ammirare la pittura di Marco Sciame, nome d’arte di Paolo Cerasoli, riesce a scatenare emozioni a volte incomprensibili, quasi irrazionali, come se i dipinti di questo giovane ma già affermato Artista riuscissero a risvegliare sensazioni già vissute ma mai comprese appieno.”

Distorsioni e sfasamenti. Le nuove possibili realtà di Marco Sciame.

Riportiamo una nota inerente la mostra sull’artista stesso:

“La linea è il punto di partenza delle immagini di Marco Sciame, ma è una linea speciale che costruisce e allo stesso tempo frammenta per condurre in un mondo di distorte illusioni visive, in cui nulla è lineare. Dipingere significa fare sintesi partendo dalla frammentazione per arrivare ad un’unità visiva, e questa continua dicotomia tra frazionamento e unità altro non è che il riflesso della società contemporanea.

Riflesso, termine che descrive perfettamente le opere di Marco Sciame: sembra di vedere le immagini attraverso una lente frantumata, che riflette la realtà non per come è, bensì frazionata al suo interno, nuova e mutevole.

Le sue tele aprono a nuovi orizzonti e la pittura diventa davvero finestra su nuove possibile realtà: i luoghi, gli ambienti e le figure, fanno parte del nostro immaginario, ma sono trasfigurati, visti secondo una lente distorta. Distorsioni, frazionamenti e sfasamenti: creano nuovi mondi, nuove illusioni.

Osservando le opere, un senso di vertigine mina il solido terreno sotto i nostri piedi e, come “Alice nel paese delle meraviglie”, ci fa cadere in nuovo mondo, forse soltanto sognato e immaginato. I luoghi di Marco, attraverso cui ci ritroviamo a vagare, sono gli stessi che viviamo ogni giorno: essi rappresentano lo spazio della memoria e dell’inconscio, continuamente mutevole perché soggetto agli impulsi di ognuno. Le opere vivono di una luce propria, quasi fossero viste attraverso la rifrazione di una lente caleidoscopica; esse parlano e confondono con i loro titoli spesso non sense e ironici, che mettono continuamente in discussione e in dubbio la realtà rappresentata rivelando: Il mondo di possibili di illusioni.”

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Lisa Di Giovanni

Lisa Di Giovanni Contributor Laureata in psicologia, collabora come redattrice per la testata giornalistica ftNews, occupandosi della sezione cultura (poesie, arte, prosa) e per il mensile cartaceo e web Prima Pagina Abruzzo. Editor sul quotidiano "Paese Roma": giornale partecipativo. Nella vita è impiegata in una società di telecomunicazioni. E' scrittrice e poetessa, il suo ultimo libro è "Daylight" per quanto riguarda le poesie. Invece per i fumetti ha pubblicato in collaborazione con un altro artista la serie "Human's end" e un saggio dal titolo: "La mostruosa arte di Go Nagai".