Pirelli:”degrado gomme 2017 molto basso”

In occasione del mondiale 2017, nel quale assisteremo ad una rivoluzione tecnica, i nuovi pneumatici Pirelli sono costruiti con nuovi composti volti a ridurre la necessità di una gestione gomme nelle gare.

Pirelli: degrado gomme molto basso nel 2017

La casa produttrice l’anno scorso ha effettuato 24 giorni di test con le vetture 2015 modificate per i nuovi regolamenti di Ferrari, Red Bull e Mercedes. L’azienda italiana è ottimista sul fatto che sulla sua nuova gamma non ci sarà lo stesso decadimento improvviso delle prestazioni, come è spesso successo dal 2011 ad oggi. «Sono completamente nuovi composti» fa sapere il direttore Pirelli F1, Mario Isola. «Abbiamo incontrato un bassissimo degrado dalle simulazioni. Ci sarà una situazione completamente diversa di performance nella seconda metà della stagione in cui spesso ci si trova in pista con alte temperature».

Così come il degrado, Pirelli crede che ha anche esaudito il richieste di rendere la temperatura del pneumatico più facile da controllare.

«I piloti hanno fatto richieste specifiche su questo perché se sono in scia ad un’altra auto in gara poi avrebbero perso carico aerodinamico, perdendo aderenza e di conseguenza si surriscaldano gli pneumatici».

«Nei test abbiamo visto che questo obiettivo è stato raggiunto ma bisogna verificare sulle vetture attuali, quindi dovremo aspettare le prime gare».

Isola afferma, tuttavia, che i dati con le vetture 2015 potrebbero essere fuorvianti perché manca un po’ di performance. Dalle simulazioni sul circuito di Barcellona hanno registrato che il pedale è a tavoletta per il 50% del giro nel 2016, ma al 70% nel 2017.

Via

Share This: