Xylella fastidiosa

Xylella fastidiosa: pericolo di diffusione in Europa

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Torna l’incubo del batterio Xylella fastidiosa. Pericolo di diffusione in breve tempo in tutta Europa. L’Agenzia europea per la sicurezza alimentare ha lanciato l’allarme, rendendo noti gli studi nella capitale francese ( Parigi). Dalle ricerche condotte, non vi sarebbe nessuna soluzione in grado di eliminare definitivamente il batterio killer. La Xylella è in grado di portare alla morte tutte le piante del mondo.

[adrotate banner=”37″]

Xylella fastidiosa: le piante più colpite sono gli Ulivi

Il batterio Xylella fastidiosa è stato individuato per la prima volta nel 2013, in Puglia. L’Efsa ha divulgato dei nuovi documenti, contenenti le opinioni scientifiche riguardanti il 2019 sulla Xylella. Le ultime valutazioni del rischio furono pubblicate tra il 2015 e il 2016. Gli scenziati hanno stilato oltre duecento pagine, per fare il punto della situazione su tutto quello che conosciamo sul batterio Xylella fastidiosa. Il batterio, negli anni passati è causa del disseccamento di intere piantagioni di Ulivi. Lo studio scentifico, oltre ad aver confermato il fatto che non vi sia una cura contro la Xylella, ha tracciato una mappa di quelle che sono le zone vunlerabili al batterio. Le piante più colpite sono gli Ulivi che hanno più di trent’anni. Colpiti anche quelli di mandorla e di agrumi.

A rischio le aree Mediterranee europee

Dal rapporto scentifico degli specialisti, emerge che le aree più a rischio sono quelle costiere dell’Europa meridionale. Infatti negli ultimi mesi ci sono state segnalazioni dalla Spagna, Francia e persino dal Portogallo. Al momento non vi è una cura contro il batterio, secondo il rapporto scentifico “attualmente non esiste alcuna misura che possa rimuovere il batterio dalle colture in campo aperto”. L’unico modo per tutelare le coltivazioni è quello di adottare misure di controllo e contenimento, come per esempio l’eradicazione. Si pensa in futuro a virus batteriofagi, utilizzati come vaccini o a creare varianti genetiche.

Leggi anche: Sequenziato genoma delle arachidi: senza precedenti!

Fonte Immagine www.innaturale.com

Autore dell'articolo: Lisa

LDG Contributor Laureata in psicologia, collabora come redattrice per la testata giornalistica ftNews, occupandosi della sezione cultura (poesie, arte, prosa). È Editor sul quotidiano "Paese Roma": giornale partecipativo. È contributor per Blasting News. Nella vita è impiegata in una società di telecomunicazioni. E' scrittrice e poetessa, il suo ultimo libro è "Daylight" per quanto riguarda le poesie. Invece per i fumetti ha pubblicato in collaborazione con un altro artista la serie "Human's end" e un saggio dal titolo: "La mostruosa arte di Go Nagai".