Allegri ci crede: “L'Europa è ancora possibile”

Allegri punta sull’orgoglio Juve: “A Bergamo gara importante”

Condividi su:

 

TORINO – Allegri punta sull’orgoglio. Quella di domani sarà “una Juve che deve essere cosciente dell’importanza della partita. Mancano cinque gare, in questo weekend ci saranno degli scontri diretti e domani sera ne sapremo di più sulla quota Champions”, ha detto il tecnico bianconero alla vigilia di Atalanta-Juventus. Una sfida con una posta in palio alta, da giocare al meglio, puntando sul talento oltre che sull’organizzazione. “Di Maria? Non ho ancora deciso niente perchè è rientrato Kean dopo un mese di inattività tra squalifiche e infortuni, stava molto bene ma ora sta riprendendo la condizione – ha spiegato l’allenatore livornese – Milik e Vlahovic stanno bene, vedremo, ma sia chi va in campo che chi entra può essere determinante”.

Per il finale di stagione, Allegri si affida a una squadra nella quale “ho sempre avuto fiducia. La Juve sta bene, è in lotta e bisogna fare un passettino alla volta, pensare alla partita di domani e poi ci tufferemo in Europa League. Affrontiamo un’Atalanta che non battiamo da sei partite, che viene da tre vittorie, che ha fisicità e che è in ascesa, anche loro sono in lotta per entrare in Champions”. Il Napoli ha vinto lo scudetto anche grazie al lavoro del ds Giuntoli, nome accostato sempre più spesso alla Juve del prossimo anno. “Ci sono 30 giorni molto importanti, poi il 5 giugno la società deciderà cosa fare a 360 gradi, ma ora è inutile stare a parlarne. La scelta del ds non è mia, è della società, quando la farà e se la farà me la comunicherà”, spiega Allegri.

Allegri punta sull’orgoglio Juve: “A Bergamo gara importante”

Il Conte Max ancora una volta ribadisce che il Napoli ha meritato il titolo: “Quando una squadra vince vuol dire che ha dimostrato di essere più forte. Il Napoli ha strameritato questo scudetto nei numeri e in tutto quello che ha fatto, bisogna solo fargli i complimenti”. In questo finale di stagione potrebbe avere un ruolo importante Pogba. “Ha fatto 20 buoni minuti finali l’altro giorno, ma questa stagione per lui è stata maledetta e a 30 giorni dalla fine devo cercare di sfruttarlo nel miglior modo possibile. L’obiettivo è entrare nelle prime 4 e cercare di centrare la finale di Europa League. La prossima sarà un’altra stagione ma ora bisogna stare concentrati su quello che dobbiamo fare. In questo momento gli obiettivi personali non contano”.

Per il rush finale, Allegri ha le idee chiare. “Noi stiamo cercando di fare quei punti che ci servono per arrivare nelle prime quattro, ci sono scontri diretti che condizionano. Già da oggi si potrà capire se la quota Champions è a 72 o a 73. A 73 è matematica”. Infine, a precisa domanda se la squadra sia stata punta nell’orgoglio dalla festa scudetto del Napoli, il tecnico toscano ha concluso: “La squadra è sempre punta nell’orgoglio. Quando sei alla Juventus, che storicamente lotta per tutte le competizioni, è normale. E’ il terzo anno che non siamo competitivi in campionato e il prossimo anno dobbiamo tornare ad esserlo. Quando vedi vincere gli altri ti viene ancora più voglia ma fa parte del gioco. Dobbiamo far loro i complimenti per quello che han fatto, ma dobbiamo pensare a noi”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24