Bagno di folla per Eugenio Finardi in concerto a Castorano

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Eugenio Finardi si è esibito a Castorano (Ap) sabato 7 luglio.

Il concerto era nell’ambito della quattordicesima edizione del festival nazionale “Scrivere per la musica” la cui direzione artistica è a cura di Luca Sestili.

L’apertura della manifestazione è stata affidata il 5 luglio ai salentini Sciacuddhuzzi presso i Bagni Oltremare di San Benedetto del Tronto (Ap); il 6 luglio è stato poi il turno del comico Carmine Faraco che si è esibito in piazzetta Belvedere.

Il 7 luglio chiusura in Piazza Roma in grande stile con uno dei più grandi cantautori della musica italiana, Eugenio Finardi.

Era un pubblico molto affettuoso il suo, venuto anche da fuori regione che ha riempito la location ed ha sostenuto il proprio beniamino con un tifo quasi da stadio.

Sono stati circa novanta minuti di live durante i quali Eugenio Finardi ha proposto molte delle sue hit, brani dal suo ultimo disco, “Fibrillante” (in particolare la title track) e persino “Laura degli specchi”, brano scritto nel 1982 per Carla Bissi, in arte Alice.

Sul palco con lui c’erano anche la nipote Federica Finardi Goldberg che suonava il violoncello elettrico, un batterista (Claudio Arfinengo), un bassista (Marco Lamagna), un chitarrista, (Giovanni Maggiore, in arte Giuvazza) e un tastierista appena ventiquattrenne che è apparso all’altezza del ruolo, nonostante fosse solo il suo secondo concerto al fianco di Finardi, soprattutto durante un assolo di un paio di minuti.

Federica Finardi Goldberg

Uno spettacolo praticamente perfetto senza ausilio di un soundcheck, grazie anche ad uno staff che ha saputo risolvere anche qualche piccolo problema tecnico.

Eugenio Finardi si presenta vestito molto elegante, in giacca e cappello bianco.

Gli anni passano ma lo smalto Rock e Blues è quello degli esordi, tanto da trasmettere energia quanto un’esecuzione live degli Who con qualche infiltrazione Progressive.

Del resto una delle sue più recenti pubblicazioni è “40 anni di Musica Ribelle”, che raccoglie gli storici album usciti fra il 1975 e il 1979: “Non Gettate Alcun Oggetto Dai Finestrini”(1975), “Sugo” (1976), “Diesel”(1977); “Blitz” (1978) e “Roccando Rollando” (1979).

Un omaggio ad un periodo fortunato della sua carriera durante il quale ha sfornato canzoni indimenticabili quali “Musica Ribelle”, “Extraterrestre” e “La Radio”.

Non sono mancati neanche “Cinquecento Sogni”, brano inciso per lo spot della Cinquecento degli anni novanta, “Patrizia”, incisa per la prima moglie nel 1981, “Amore Diverso” ed “Un Uomo”.

Concerto concluso dopo due bis a mezzanotte circa e poi tutti a casa…

Il tour FinardiMente è uno spettacolo che ritrae il cammino musicale di un uomo che ha attraversato quasi cinque decenni durante i quali si sono alternati stili e mode.

Un’occasione unica per conoscere a fondo uno dei più grandi artisti italiani di sempre.

Sito ufficiale

Pagina Facebook

 

Si ringrazia per la collaborazione e le foto Franco Pompilio

Autore dell'articolo: Marco Vittoria