Calciomercato Lecce: big last minute in arrivo per l’attacco?

 

A due giorni dalla chiusura del calciomercato estivo il Lecce sonda ancora il mercato dopo i numerosi colpi in entrata e in uscita. Il colpo last minute che Corvino potrebbe tentare riguarda un big nel reparto offensivo, che a Lecce potrebbe davvero essere l’uomo in più. Il giocatore in questione è Marko Pjaca, giocatore 27enne di proprietà della Juventus ma evidentemente fuori dal progetto tecnico bianconero. Sfumato il suo passaggio dalla Juventus alla Dinamo Zagabria è tornato sul mercato, il Lecce fiuta l’occasione e proprio in extremis potrebbe portarlo a casa. I bianconeri, spiazzati da questo ripensamento di Pjaca hanno fretta di piazzare gli esuberi e il Lecce potrebbe inserirsi per lui e completare la squadra con la ciliegina sulla torta.

Pjaca-Lecce è più di una possibilità

Pjaca è da pochissimo accostato al Lecce ma è già più di una possibilità per i motivi sopra citati. La Juventus, proprietaria del suo cartellino ha fretta di piazzarlo e il Lecce è alla porta, pronto ad accoglierlo. Dal punto di vista tecnico sarebbe un’operazione importante che darebbe fantasia e tecnica ad un reparto offensivo che na ha proprio bisogno. Pjaca negli ultimi anni non ha giocato solo da esterno ma anche come centravanti all’occorrenza. L’ultima stagione ha giocato nel Torino dove ha collezionato 24 presenze con 3 reti, in precedenza aveva totalizzato 35 gare e 4 reti nel Genoa. Come giocatore lo conosciamo tutti, non ha bisogno di presentazioni, l’unico dubbio che si può sottoporre è sulla sua tenuta atletica e sulla continuità di rendimento. Il Lecce ne è consapevole, ma a fine calciomercato quando si presentano queste occasioni con questo tipo di giocatori è impossibile non provare a sfruttarle.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Milano