Monchi sta orchestrando il calciomercato Roma

Roma: Monchi deve programmare un rivoluzione tecnica

Monchi, dopo anni di trionfi con il Siviglia, si trova a fare i conti con la realtà della Roma. Il Ds spagnolo, inizia a capire il perchè dei continui flop della gestione americana di Pallotta. La proprietà a stelle e strisce si è contraddistinta per la totale mancanza di organizzazione in questi anni. I tanti flop strapagati da Sabatini hanno fatto il resto.

Monchi e il dilemma allenatore

Il primo obiettivo di Monchi è ingaggiare il nuovo tecnico. Ormai tutti sanno che sarà Di Francesco, eppure non è stato ancora ufficializzato. Il motivo? Il tecnico ha una clausola di tre milioni di euro e il club giallorosso non vuole pagarla. Si tratta con Squinzi che, però, non ha intenzione di fare sconti. Questa situazione rischia di compromettere la programmazione del club giallorosso e innescare un pericoloso effetto domino.
La Roma deve iniziare a programmare la prossima stagione non può farlo senza un nuovo allenatore. Al momento non sembrano esserci alternative a Di Francesco che, dunque, si trova imprigionato.

[adrotate banner=”16

Salah via, attacco da ripensare

Il secondo dilemma di Monchi riguarda i giocatori. Salah è dato in partenza in direzione Liverpool. Per Rudiger c’è l’Inter. Sottotraccia, però, c’è anche la questione Naingollan. Il belga aspetta l’aumento dell’ingaggio promesse e mai mantenuto. Come se non bastasse, l’arrivo di Di Francesco potrebbe significare un passo indietro dal punto di vista tecnico per l’ex Cagliari.
Di Francesco, infatti, è un’integralista e non spicca per capacità di adattamento alle caratteristiche dei giocatori. Nel Sassuolo, al suo primo anno di A, stava facendo retrocedere la squadra perchè insisteva su un modulo (il 4-3-3) non adatto alle caratteristiche dei giocatori. C’è voluta una rivoluzione tecnica, con tanto di esonero e richiamo, per permettergli di salvare la squadra e la sua carriera.
Naingollan, però, ora gioca stabilmente da trequartista. Nel 4-3-3 dovrebbe arretrare da interno. Siamo sicuri che accetterà senza fiatare?

Rivoluzione totale

Monchi deve dare la caccia ad almeno quattro profili: un portiere, un terzino sinistro, un interno ed un esterno d’attacco. Per quest’ultimo ruolo si fanno i nomi di Forsberg del Lipsia e del solito Berardi.
Come interno rimane sempre aperta la pista Pellegrini.
I problemi maggiori sono in difesa. Szczesny non rimarrà. La Roma cerca un estremo difensore, perchè non si fida nè di Allison, nè del rientrante Skorupski. L’ultima idea è Mirante del Bologna come “chioccia” del brasiliano. E’ chiaro che si tratta di una soluzione tampone.
Sulla fascia sinistra, l’infortunio di Emerson complica i piani. Mario Rui preme per andare via, quindi, serve un giocatore di livello.
Uno dei prospetti potrebbe essere Mendy del MOnaco, bottega cara, però, da cui comprare.

 


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24

Autore dell'articolo: Davide Luciani