Prestò l’identità a Matteo Messina Denaro, Andrea Bonafede condannato a 14 anni

Condividi su:

 

(Adnkronos) –
Condannato a 14 anni di carcere Andrea Bonafede, il geometra di Campobello di Mazara (Trapani) che prestò la sua identità al boss latitante Matteo Messina Denaro. Lo ha stabilito il Gup del Tribunale di Palermo Paolo Magro nella sentenza emessa nel processo che si è celebrato con il rito abbreviato. Il giudice ha accolto le richieste dei pm Gianluca De Leo e Pierangelo Padova. Matteo Messina Denaro aveva preso l'identità di Andrea Bonafede nell'ultimo periodo della sua latitanza per poter accedere alle cure mediche per il cancro.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: News Webmagazine24