Recuperato denaro oggetto di truffa, l'operazione della Polpost di Isernia

Recuperato denaro oggetto di truffa, l’operazione della Polpost di Isernia

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ISERNIA – Recuperato denaro oggetto di truffa. Gli agenti della Sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni di Isernia hanno identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria due cittadini italiani per il reato di truffa. La vicenda vede protagonista un cittadino pentro che, attratto da un annuncio pubblicato su internet, ha effettuato due distinti bonifici di pagamento, rispettivamente di 4.000 e 1.800 euro, per l’acquisto di un trattore: solo dopo aver effettuato i bonifici e a seguito di alcune conversazioni avute con il presunto venditore, il malcapitato si è reso conto di essere stato vittima di una truffa.

Immediatamente si è recato presso gli Uffici della Polizia Postale di Isernia che, dopo gli accertamenti di rito, ha proceduto al blocco ed al sequestro preventivo del conto corrente verso il quale erano stati indirizzati i bonifici e ha individuato i presunti autori della truffa.

Recuperato denaro oggetto di truffa, l’operazione della Polpost di Isernia

Pochi giorni fa, a seguito di ordine del Pubblico Ministero procedente della Procura della Repubblica di Isernia, è stato restituito alla vittima il denaro che gli era stato sottratto. Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e ciascun indagato potrà rappresentare le proprie ragioni difensive ai sensi del Codice di Procedura Penale.

Riconoscente dell’operato svolto dalla Polizia Postale di Isernia, il cittadino ha inviato una lettera di ringraziamento agli Agenti che riportiamo integralmente: “Con queste poche righe voglio esprimere la mia gratitudine al personale della Polizia Postale di Isernia, che con professionalità, competenza e passione ha reso possibile il recupero del denaro che mi era stato sottratto a seguito di truffa. Grazie di cuore per ciò che fate per la cittadinanza e per il tempo che avete dedicato al mio caso”. 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24