Jalisse

Jalisse: la nostra intervista esclusiva alla band

intopic.it feedelissimo.com  
 

Jalisse: la nostra intervista al duo Ricci Drusian

Jalisse. Nati nel 1994, il duo è da sempre composto da Fabio Ricci e Alessandra Drusian.

Nel 1997 la vittoria dei Jalisse al Festival di Sanremo con “Fiumi di Parole”, con cui si classificarono quarti anche all’Eurovision Song Contest.

Jalisse fiumi di parole
1997 Jalisse fiumi di parole

I Jalisse tornano oggi con un nuovo singolo, “Ora”, che sta già riscuotendo un ottimo successo di critica e di pubblico.

Jalisse album "ORA"
Jalisse 2018 il singolo “ORA”

Potete parlarci del nuovo singolo “Ora”, di com’è nato e del relativo videoclip?

Alessandra Drusian: Ora” è nato lo scorso anno nel giro di 48 ore, sia testo che musica. Inizialmente si intitolava “venti” come gli anni passati dalla vittoria di Sanremo. E’ una canzone autobiografica che racconta la nostra vita dal 97 a oggi, ma rispecchia la vita di ognuno di noi; dal panettiere al manager, dalla casalinga allo studente, con le negazioni e le difficoltà che si incontrano nella vita. Un tempo lungo dove si sono incastrati momenti belli e momenti difficili, ma noi col sorriso e la voglia di rinascere abbiamo spazzato via come il sole dopo un violento temporale. Il video è stato girato in Olanda, a Vlieland e Amsterdam da Marko Carbone, regista e genio della fotografia.

Com’è mutato il sound dei Jalisse dagli esordi?

Fabio Ricci: Beh è cambiato con il tempo contemporaneamente al cambio delle persone che incontri. Siamo nati con “Vivo” nel 1995 quando le inflessioni musicali avevano sapori etnici e mediorientali, poi dance con “Dove Sei” realizzato con artisti della Repubblica Ceca, poi ancora rock con “Tra Rose E Cielo” e “Sei Desiderio” per riuscire adesso con “Ora”. Secondo me il sound si modifica con la vita che scorre.

Avete scritto tante canzoni. Ne avete qualcuna a cui tenete maggiormente e perché?

Fabio Ricci: Sicuramente “Liberami” perché ci ha portati sul palco insieme. Doveva essere un mio brano come cantautore, poi di Alessandra come solista interprete e alla fine ci siamo ritrovati insieme a Sanremo nel 1996. Ma sono tutte figlie di un percorso e ognuna si è presa il suo tempo.

Avete in previsione un nuovo album?

Alessandra Drusian: Certamente, ci stiamo lavorando insieme al team di Gianni Errera per la One Music Recording di Roma con musicisti eccezionali, un team forte, unito, entusiasta, creativo.

Chi vi ha visto dal vivo sa che in concerto siete davvero superlativi. Avete mai pensato invece ad un album live?

Fabio Ricci: Non ancora, anche se oggi con le dirette streaming è molto più facile ascoltare live qualsiasi spettacolo. Potrebbe essere un’idea, sono due momenti distinti e magici di espressione di testa e di cuore.

Si è da poco conclusa la trasmissione televisiva “Ora o Mai Più”. Cosa potete raccontarci a riguardo?

Alessandra Drusian: Un’esperienza forte e positivissima. Inizialmente eravamo tesi, non sapevamo quali fossero le dinamiche della trasmissione e come si potesse evolvere. Ma dopo la prima serata ci siamo sciolti e abbiamo cominciato a divertirci, anche grazie al nostro grande maestro Zarrillo. Tra noi allievi si è subito creato un bellissimo legame tanto che la gara è passata in secondo piano. Non poteva andare meglio di così.

Jalisse ora o mai più
Jalisse: le prove a “ora o mai più”

Lavorare con Michele Zarrillo deve essere stato molto costruttivo per voi. Personalmente ho apprezzato molto l’esecuzione di “Ti Sento”. E’ stata dura confrontarsi con un pezzo di storia della musica italiana e con un brano che resiste alle intemperie e che ha avuto un ottimo successo anche oltralpe tanto da essere stata inserita da Chris Lowe dei Pet Shop Boys nella compilation “Back to Mine: Pet Shop Boys”?

Fabio Ricci: Io mi sono divertito come un bambino dietro la mia tastiera 2 ottave e mezza ed il mio set di suoni mac che uso live. Pensa che Carlo Marrale (coautore di “Ti Sento”) ha scritto un post facendoci i complimenti per l’esibizione e poi ci siamo sentiti al telefono confessandoci che durante l’esibizione di “Ti Sento” sembravamo una band inglese ospite del programma. Merito anche del direttore d’orchestra De Amicis e degli ottimi musicisti e cantanti dell’orchestra.

Drusian Zarrillo Ricci
Alessandra Drusian, Michele Zarrillo, Fabio Ricci

 

Michele Zarrillo, Alessandra Drusian, Fabio Ricci di fronte alla giuria di “ora o mai più”

Tornereste oggi al Festival di Sanremo?

Alessandra Drusian: Questo è il nostro lavoro, certo che sì! Vuoi rompere la nostra usanza di presentare un brano, che dura da 21 anni?

E’ da poco nata una pagina dedicata a voi su Facebook, “Jalisse Tribù Chieti”. Cosa ne pensate e qual è il vostro rapporto con i fan?

Fabio Ricci: Si, sono più pagine locali che stanno nascendo. Le #Jalissetribu sono gruppi di persone che sostengono e condividono la filosofia della serenità, del rispetto, dell’amicizia, della voglia di vivere; concetti espressi in “Ora” e in tutte le nostre produzioni musicali, oltre ad essere uno stile di vita. Stanno nascendo tribù in molte città dove giovanissimi e adulti, senza distinzione di età, esprimono le loro sensazioni regalandoci emozioni indecifrabili., veramente commoventi. Post, video, cuori, commenti…. un affetto enorme che vogliamo ricambiare.

 Alessandra Drusian Fabio Ricci
Alessandra Drusian e Fabio Ricci

Cosa consigliereste a chi oggi vuole intraprendere una carriera musicale?

Fabio Ricci: Non c’è crisi musicale, ma discografica, quindi pensare ad una carriera vera e propria musicale oggi non è facile, se si intende rimanere nel tempo. Non ci sono manager o produttori che investano sull’artista come 15 anni fa. Oggi si fa fatica, i brani si consumano subito e non rendono gli investimenti effettuati, ci sono tantissimi che realizzano e caricano sui social, improvvisandosi interpreti/autori/arrangiatori/produttori/ promoter…  Sicuramente l’artista deve essere manager di sè stesso, ma deve conoscere regole e meccanismi e dare sempre un prodotto valido e fatto con professionisti.

Vi state avvicinando ai trent’anni dalla fondazione della band. Come festeggerete l’evento?

Alessandra Drusian e Fabio Ricci: Urca… E chi ci pensa? Noi festeggiamo ogni giorno.

Progetti futuri?

Alessandra Drusian: Il nuovo album, i live, abbiamo cantato il tema portante della colonna sonora scritta da Gianni Errera, del film “Niente di serio” per la regia di Lazlo Balbo con protagonista Claudia Cardinale e Gianmarco Tognazzi, continueremo sicuramente il format Localitour d’Autore per radio e web, ma anche Cantautori nelle Scuole per i giovani studenti… Insomma, di idee non riusciamo a farcele mancare.

Fabio Ricci: Mantenere la serenità ed il bellissimo rapporto con la gente che non ci ha mai dimenticati.

Jalisse: Fabio Ricci e Alessandra Drusian.
Jalisse: Fabio Ricci e Alessandra Drusian.

Sito ufficiale del gruppo

Pagina Facebook del gruppo

Account Twitter ufficiale

Canale Youtube

Account ufficiale Google Plus

Account ufficiale Linkedin

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Marco Vittoria