L'inno nazionale della Banda della Polizia inaugura Montecitorio a Porte Aperte 2024

L’inno nazionale della Banda della Polizia inaugura Montecitorio a Porte Aperte 2024

Condividi su:

 

ROMA – Sulle note dell’inno nazionale – eseguito dalla Banda della polizia di Stato, diretta dal Maestro Roberto Granata – si è aperta questa mattina l’edizione 2024 di Montecitorio a porte aperte, la manifestazione che consente, con prenotazione, di visitare i luoghi più significativi del Palazzo. All’ inno nazionale, in apertura, ha fatto seguito un repertorio culminato nell’inno europeo, che ha simbolicamente aperto il percorso di visita.

Percorso di visita che prevede: l’Aula, il Transatlantico, le principali sale di rappresentanza, come la Sala della Regina, la Sala della Lupa, la Sala Aldo Moro e la Sala delle Donne. In mostra anche alcune particolari installazioni predisposte nel 2023 per il 75esimo anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione.

L’inno nazionale della Banda della Polizia inaugura Montecitorio a Porte Aperte 2024

In particolare, in Transatlantico è esposta una versione tattile del Tricolore e la riproduzione tattile dell’emblema della Repubblica, corredato dal testo in nero e in braille della spiegazione della sua simbologia, secondo le indicazioni originali formulate dall’autore, l’artista Paolo Paschetto.

Dopo quella di oggi, 14 gennaio, le altre domeniche in calendario sono il: 4 febbraio, 3 marzo, 7 aprile, 6 ottobre, 10 novembre e il primo dicembre. Sono previste anche edizioni speciali: a maggio in occasione della Notte dei musei, e il 2 giugno per la Festa della Repubblica. In generale, le prenotazioni si aprono, sul sito della Camera, i lunedì precedenti alle date di Montecitorio a porte aperte. L’accesso è previsto fino a esaurimento posti. Per info: eventi.camera.it/eventionline.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24