Per FRANCESS un disco dal titolo "Submerge"

Per FRANCESS un disco dal titolo “Submerge”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Per FRANCESS un disco dal titolo “Submerge”, un ponte tra diversi mondi

Per FRANCESS un disco dal titolo “Submerge”. Bellissima prova di inediti per Francess, cantante italo – giamaicana (nata a New York) che ci aveva convinti con una prova d’autore con il remake italiano e inglese di grandi successi nostrani nel disco “A bit of Italiano“. Oggi invece scrive di suo pugno con Mauro Isetti ed Egidio Perduca per la Sonic Factory: si intitola “Submerge“, nove inediti appunto e “The man I Love” unica grande cover di Gershwin a chiudere l’ascolto. Impossibile archiviare questo lavoro dietro sterili etichette. Dentro ci troviamo l’America dei mille ritmi industriale che il mercato main stream ha sdoganato. Dal Pop alle liriche più Soul e Gospel. Davvero un ascolto consigliato per non restare chiusi dentro al solito tram tram quotidiano del Pop italiano finto futuristico. Un disco di grande classe.

“Submerge”: ce ne dai una interpretazione efficace?

Submerge” è il brano che da il titolo all’album. L’atmosfera creata ha guidato la scrittura del testo portandomi a riflettere su quella sensazione di impotenza che a volte proviamo difronte all’enormità della vita e che come un’onda ci sommerge. Ho raccontato l’esperienza di questo “dolce naufragar” descrivendo l’oceano prima come un re imponente e severo e poi come un accogliente ventre materno

Ma dunque possiamo parlare di un disco di confessioni tue personali?

Ogni canzone e quindi ogni disco sono un’opportunità per raccontare qualcosa di personale.

America, Giamaica ed anche Italia della provincia. Dove vive Francess e dove la sua musica?

Francess, assieme alla sua musica, vive sul ponte che unisce questi diversi mondi. È solo nell’incontro di queste diverse culture che mi ritrovo artisticamente.

Quant’è bella “Memory Lane”. Quanti ricordi sono chiusi dentro questo brano?

Tanti. “Memory Lane” è la strada dei ricordi. La musica e un malinconico stato d’animo suscitato da una grigia giornata di pioggia, mi hanno portato a passeggiare lungo questo sentiero ricco di contrasti, gioie e dolori.

Francess e Sonic Factory: complicità o collaborazione? Nel senso: assieme avete realizzato ogni cosa o loro hanno semplicemente sposato un progetto che già esisteva nel tuo sacco?

Quando ho conosciuto i miei produttori non avevo idea di che direzione artistica volessi prendere. È così iniziato un percorso di esporazione e di crescita che abbiamo vissuto insieme portandoci a creare in collaborazione Il progetto che abbiamo oggi fra le mani.

Autore dell'articolo: Marco Vittoria