Qualificazioni Mondiali 2022, dove vedere Germania-Armenia: streaming e diretta tv Mediaset Canale 20?

 

Questa sera, alle ore 20.45, alla “Mercedes-Benz Arena” di Stoccarda, la Germania del C.T Hans-Dieter Flick ospiterà l’Armenia del C.T Joaquin Caparros, il match è valido per la 5.a giornata del Gruppo J delle qualificazioni a Qatar 2022. Prima di scoprire dove vedere Germania-Armenia in diretta tv e streaming, ecco un focus sulle qualificazioni ai prossimi Mondiali.

Il match di Stoccarda si presenta come una sfida tra prima e seconda del girone: la Germania è seconda con 9 punti (3 vittorie ed 1 sconfitta) ed è reduce dal successo per 0-2 contro il Liechtenstein; l’Armenia, invece, è prima con 10 punti (3 vittorie ed 1 pareggio) ed è reduce dal pareggio a “reti bianche” contro la Macedonia del Nord.

Germania-Armenia sarà diretta dallo scozzese William Collum, coaudiuvato dai connazionali Francis Connor e David McGeachie, mentre il quarto uomo sarà Kevin Clancy. Var ed Avar saranno rispettivamente gli inglesi Paul Tierney e Constantine Hatzidakis.

Le probabili formazioni di Germania-Armenia

GERMANIA (3-4-3): Neuer; Sule, Klostermann, Rudiger; Kimmich, Gundogan, Kroos, Gosens; Havertz, Sanè, Gnabry. C.T: Flick.

ARMENIA (4-2-3-1): Yurchenko; Hovhannisyan, Calisir, Haroyan, Hambardzumyan; Grygoryan, Ghazaryan; Davydian, Briasco, Mkhitaryan; Adamyan. C.T: Caparrós.

Dove vedere Germania-Armenia, streaming gratis e diretta tv in chiaro?

Il match Germania-Armenia, valevole per la 5.a giornata del Gruppo J delle qualificazioni a Qatar 2022, non verrà tramesso in chiaro sul Canale 20 di Mediaset. Sarà possibile seguire il match sulle tv locali di entrambi i paesi e seguire gli aggiornamenti Live del match sulle pagine social delle due nazionali.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Gaetano Masiello