Spalletti non sottovaluta il Milan: “È fortissimo, gara da tripla che vale doppio”

Condividi su:

 

NAPOLI – Spalletti non sottovaluta il Milan: “L’assenza di Osimhen pesa, inutile girarci intorno. Però, poi, c’è anche quello che ha detto Pioli, perchè quando è mancato questa squadra ha saputo sopperire e con tutti i componenti la squadra ha dato qualcosa in più, permettendoci di fare lo stesso gioco di sempre. La differenza l’hanno fatta giocatori come Simeone, che sa che mestiere fa. Sa che a calcio non si gioca solo con i piedi ma anche con la testa. E’ entrato fin da subito nel ruolo che doveva avere. Quando una persona è intelligente riesce a ottenere grandi risultati sfruttando tutte le possibilità”.

L’allenatore del Napoli, in vista della sfida con i rossoneri, è consapevole che il forfait di Osimhen riduce, sulla carta, l’indice di pericolosità degli azzurri, ma sa anche che può fare completo affidamento su Simeone: “Come modo di giocare cambia poco – ha sottolineato Spalletti – Il Cholito è meno veloce di Osimhen ma è bravissimo nel gioco aereo, giocando sia spalle alla porta che venendo in contro cercando il dialogo. Va bene così”.

Spalletti non sottovaluta il Milan: “È fortissimo, gara da tripla che vale doppio”

Contro i rossoneri è una gara che può segnare una stagione, vale per il campionato senza dimenticare che poi ci sarò la doppia sfida di Champions: “Siamo fiduciosi. E’ una partita da tripla che vale il doppio, come tutte le partite che ci restano – ha spiegato il tecnico azzurro – Il Milan è una squadra fortissima, l’anno scorso ha vinto lo scudetto e ha eliminato il Tottenham dalla Champions. Ha perso Kessie ma ha preso 5-6 giocatori per rinforzare una rosa che era campione d’Italia. Nelle partite di coppa si annulla tutto quello che è accaduto precedentemente. I fari della Champions sono diversi, ritrovano tutti la migliore forza. Ovviamente chi ha fatto bene nella gara precedente arriva un pò meglio, rispetto all’altro che può essere intimorito. Mi aspetto che i giocatori abbiamo quel carattere forte che possa sopperire a qualsiasi stato d’animo”.

Infine, sulla città vestita già a festa: “Vedere bandiere che sventolano ci riempie di orgoglio e gioia, ma è qualcosa di illusorio. Stiamo raccontando una storia che non è scritta e finchè non lo sarà bisognerà lavorare in maniera serie e corretta. Questi sventolamenti possono farti perdere di vista la fatica che ancora bisogna fare. Noi non crediamo di aver già vinto, non pensiamo alla prossima stagione e alle prossime partite perchè si rischia di far confusione – ha concluso Spalletti – Questo atteggiamento se lo possono permettere solo i superficiali e noi non lo siamo”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24