Tour de France rinnovati i diritti con Eurosport

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Buone notizie per il Tour de France e per tutti gli appassionati di ciclismo. La competizione ciclistica che andrà in onda il prossimo luglio ha allungato l’accordo fino al 2025 con Amaury Sport Organisation (ASO) ed Eurovision Sport per i diritti televisivi e digital sulla Grande Boucle. L’accordo quinquennale riguarda anche la Vuelta di Spagna, giunta all’edizione numero 75 e che quest’anno partirà da Utrecht. Ovviamente, gli eventi in questione saranno trasmessi non solo in diretta, ma anche in diretta streaming video sulla piattaforma Eurosport Player. Anche Global Cycling Network  trasmetterà a partire dal 2021 tutti i contenuti delle due grandi corse a tappe. Questo avverrà la sua nuova app. Non rimarrà indietro nemmeno la Rai che ha stretto anch’essa un accordo fino al 2025.

Il ciclismo sta quindi diventando sempre di più parte integrante dei palinsesti televisivi e la sua passione si sta diffondendo sempre di più tra gli utenti. Non resta che attendere allora la partenza dei primi grandi eventi a tappe per godere di tutte le emozioni che il ciclismo è pronto a regalare.

 

Tour de France e la Rai

Prosegue fino al 2025 anche il rapporto tra la Rai e il Tour de France. L’emittente italiana deteneva già i diritti in esclusiva free-to-air. Con questo nuovo accordo, ci saranno novità anche per quel che riguarda il ciclismo rosa. Infatti, oltre al  Giro delle Fiandre, Giro del Delfinato, Tour de France, alle varie classiche e alla Parigi-Roubaix, sarà possibile vedere alcune delle più importanti gare del ciclismo femminile, come  la Liegi-Bastogne-Liegi e la Freccia-Vallone. Saranno per la prima volta in diretta dal 2020. Si allarga così  l’offerta ciclistica del canale di Discovery, comprendente anche il Giro d’Italia, e altre 35 gare UCI World Tour. Sono comprese anche le 5 Classiche Monumento e in aggiunta i Mondiali di ciclismo. Gli appassionati di ciclismo quindi avranno a disposizione un’ampia gamma di scelta per poter seguire il fitto calendario ciclistico del 2020.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu