Un super Morfeo apre le porte della UEFA: Atalanta-Cagliari 1996/1997

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Atalanta-Cagliari è sempre stata una partita particolare: dal famoso 5-2 illusorio di Guidolin al 3-3 del 2007, fino ad arrivare alla “manita” dell’anno scorso. Storicamente la Dea ha collezionato 21 vittorie contro i sardi, di cui una tanto particolare quanto ambiziosa datata 1997, nel segno del fenomeno nerazzurro Domenico Morfeo.

L’Atalanta si ritrova ad affrontare il Cagliari sulle ali dell’entusiasmo: 7 risultati utili consecutivi, imbattibilità interna così come quella di Pinato tra i pali per 757 minuti, alta classifica e un tridente di ferro formato da Lentini-Morfeo-Inzaghi (capocannoniere della Serie A). Al 30′ Domenico fa capire di essere in giornata segnando una rete: Sgrò serve il numero 10 che difende la palla, salta Minotti con un tunnel e batte in rete. Il raddoppio viene siglato da Foglio, mentre lo stesso Minotti prima accorcia le distanze battendo Micillo (subentrato a Pinato per infortunio) poi scaturisce un rigore agli orobici per un tocco di mano nato da una rovesciata di Morfeo. A chiudere i conti ci pensa Filippo Inzaghi che sigla il 4-1 finale, facendo salire l’Atalanta al sesto posto in classifica: spalancandone le porte della zona UEFA.

 

Autore dell'articolo: Filippo Davide Di Santo