Asia Argento rimborsa Bennett

Asia Argento rimborsa Bennett per molestie.Addio Sky?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Asia Argento rimborsa Bennett per molestie avvenute nel 2013 in California quando era minorenne, a riportarlo il Nyt.

Asia Argento rimborsa Bennett per molestie avvenute nel 2013 in un albergo in California quando il ragazzo era minorenne.

Ricordiamo che l’attrice e regista Asia Argento, ora quarantaduenne, è tra le più importanti esponenti del movimento #MeToo contro le molestie sessuali. Proprio Asia Argento è stata tra le prime donne nel mondo del cinema ad accusare pubblicamente il produttore Harvey Weinstein di violenza sessuale. Dopo aver detto, lo scorso Ottobre, che il magnate Harvey Weinstein l’aveva stuprata, Asia Argento, secondo il New York Times, avrebbe rimborsato Jimmy Bennett.

Asia Argento twitter

Asia Argento rimborsa Bennett per molestie: i fatti riportati da N.Y.T.

Jimmy Bennett, giovane attore e musicista rock, ha dichiarato di aver subito un’aggressione mentre si trovava al Ritz-Carlton, Marina del Rey, in California. Infatti pare che nel 2013, appena compiuti i 17 anni, avrebbe subito molestie da parte di Asia Argento, all’epoca trentasettenne. Ricordiamo che nello Stato della California la maggiore età si raggiunge a 18 anni. Alla base dell’azione legale ci sarebbe anche un forte trauma, scaturito dalle molestie, che avrebbe danneggiato la carriera del giovane attore.

Prima della fine dell’anno scorso, Jimmy Bennett, per vie legali, avrebbe richiesto ad Asia Argento 3,5 milioni $ di risarcimento per i fatti del 2013. Sempre secondo il New York Times, recentemente Asia Argento si sarebbe accordata con Jimmy Bennett per chiudere la controversia con un rimborso di 380000$.

Il giornale newyorkese ha riferito di aver ricevuto una e-mail criptata, con mittente non identificato; tra gli allegati ci sarebbero i documenti giudiziari ed anche un selfie, datato 9 maggio 2013, di Asia Argento e Jimmy Bennett a letto. Tre persone con familiarità con il caso hanno affermato che i documenti sarebbero autentici.

Asia Argento rimborsa Bennett: alcune foto di Asia Argento e Jimmy Bennett insieme il 09 Maggio 2013

Asia Argento aspetta Jimmy Bennett che commenta: “in 5 minuti sarò lì”.

 

Asia Argento festeggia il giorno del ricongiungimento con Jimmy Bennett.

Happiest day of my life reunion with @jimmymbennett xox

Un post condiviso da asiaargento (@asiaargento) in data:

Asia Argento abbracciata a Jimmy Bennett, il suo “figlio adorato”.

My son my love until I will live @jimmymbennett marina del rey 05.2013

Un post condiviso da asiaargento (@asiaargento) in data:

Il New York Times riporta che lo studio legale Carrie Goldberg, che cura gli interessi di Asia Argento, non sarebbe disponibile a commentare queste notizie. Anche da parte dello staff legale di Jimmy Bennett non ci sarebbe la volontà di rilasciare interviste.

Asia Argento rimborsa Bennett per molestie: le reazioni

Inoltre il N.Y.T. riporta un commento del Capitano di Polizia Harris:

“non c’è alcun rapporto di polizia relativo ad attività criminali”.

Comunque, probabilmente avrebbero contattato Jimmy Bennett per documentare qualsiasi eventuale attività criminale.

Tarana Burke fondatrice del movimento #MeToo ha dichiarato:

“La gente userà queste recenti notizie per cercare di screditare questo movimento ma non lascerò che ciò avvenga”.

 

Asia Argento e Jimmy Bennett insieme nel film “Ingannevole il cuore più di ogni cosa”

Asia Argento e Jimmy Bennett hanno recitato insieme in un film del 2004 dal titolo “Ingannevole il cuore più di ogni cosa“; nel film Asia Argento interpreta la madre prostituta di Jimmy Bennett.

La trama del film. All’età di sei anni, Jeremiah si vede strappato dalla famiglia adottiva per tornare dalla madre naturale, Sarah. Questa però si dimostra violenta e porta il bambino in una realtà distorta. La madre cambia una serie di uomini fino a sposarne uno. Questi ultimi partono per il viaggio di nozze lasciando solo Jeremiah; dal viaggio torna solo l’uomo poiché Sarah scappa.

Quella notte l’uomo abusa di Jeremiah e lo abbandona in un’auto; la polizia trova il bambino che viene portato in un centro per riabilitazione. La scelta non si dimostra idonea ed il bambino viene portato a casa della nonna. Purtroppo anche in questa situazione viene maltrattato. Dopo un po di tempo viene ritrovato dalla madre spogliarellista. A causa delle droghe Sarah inizia a soffrire di allucinazioni ed avvelena accidentalmente il ragazzo. Jeramiah tornerà in ospedale dove verrà recuperato dalla nonna. Ancora una volta Sarah riuscirà a riprenderlo con sé per fuggire l’ennesima volta.

Asia Argento rimborsa Bennett per molestie: addio a X Factor ed a Sky?

Dopo le prime indiscrezioni sul caso è arrivata la nota dell’emittente Sky relativa alla partecipazione di Asia Argento come giudice nella trasmissione “X Factor”.

La nota riporta testualmente:

“Sky Italia e FremantleMedia Italia hanno letto oggi con attenzione e stupore quanto pubblicato dal New York Times su Asia Argento.

Va ribadito che Sky Italia e FremantleMedia non hanno scelto Asia Argento come giudice di #XF12 per il suo impegno nella campagna #MeToo né per le sue posizioni personali, bensì – come è sempre avvenuto per i giudici di X Factor Italia – per le sue competenze musicali e le sue capacità di gestire un ruolo televisivo in un programma di questo tipo. Competenze e capacità ampiamente confermate durante le puntate di Audizioni, registrate nelle scorse settimane, come possono confermare le migliaia di persone che vi hanno assistito tra il pubblico. 

Ciò detto vogliamo essere molto chiari: se quanto scrive oggi il New York Times fosse confermato, questa vicenda sarebbe del tutto incompatibile con i principi etici e i valori di Sky e dunque – in pieno accordo con FremantleMedia – non potremmo che prenderne atto e interrompere immediatamente la collaborazione con Asia Argento“.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".