guanti attacchi chimici sostanze

Attacchi chimici, arrivano Guanti rilevatori di sostanze: contrasto a terrorismo e crimini.

 

In un momento in cui si sono verificati attacchi chimici in diverse parti del mondo, la gara è iniziata sulla ricerca delle metodologie in grado di identificare le sostanze nocive in breve tempo.

Un rilevatore innovativo di sostanze chimiche importante potrebbe essere un nuovo tipo di guanto, equipaggiato con l’ultima tecnologia biosensoriale che potrebbe analizzare le sostanze chimiche con un semplice scorrimento del dito.

I dispositivi portatili sono uno dei settori in più rapida crescita della tecnologia e sono stimati sul mercato per un valore di oltre 34 miliardi di dollari entro il 2020. Fino a poco tempo fa sono stati centrati soprattutto sulla salute, la forma fisica e la geolocalizzazione. È possibile monitorare la frequenza cardiaca e il numero di calorie bruciate e tenere traccia del numero di passi che hai percorso durante il trascorrere del mattino e ritrovarti sempre a casa grazie al GPS sul polso o in tasca.

Gli scienziati stanno ora esplorando nuove applicazioni per la tecnologia indossabile: non solo gli attacchi chimici materia di ricerca

Una delle frontiere importanti è la sicurezza. Considerate il “laboratorio su un guanto”, un concetto sviluppato da una squadra guidata da Joseph Wang all’Università della California, San Diego, che consente ai primi intervistati di rilevare sostanze chimiche provenienti da esplosivi, residui di polvere da sparo, droghe o altre sostanze (anche su un sospetto Abbigliamento) senza preoccuparsi di lesioni da esposizione cutanea o compromettere involontariamente la scena del delitto.

Indumenti per la sicurezza pubblica

Wang e il collega Joseph Hubble hanno recentemente pubblicato un articolo sul potenziale per la loro tecnologia di guanti per aiutare a risolvere i crimini. Non nasce solo rilevare sostanze chimiche negli attacchi terroristici, ma potrebbe anche aiutare in caso di incidenti (come le fuoriuscite tossiche e danni ambientali) e gli inconvenienti della produzione in fabbrica. Potrebbero anche essere sviluppati altri dispositivi simili, tra cui un badge per la rilevazione di pericoli sviluppato da Timothy Swager e il suo team presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Alla fine, l’obbiettivo e prevedere tecnologie portatili che potrebbero rilevare simultaneamente le minacce e avvisare i primi soccorsi, risparmiando tempo prezioso (e vite umane) in caso di emergenza.

Al di là del potenziale per dispositivi indossabili esterni come occhiali o indumenti, Wang e Hubble sono intrigati anche dal futuro della tecnologia indossabile non invasiva integrata con il corpo umano, citando il progetto Derma Abyss sviluppato nel Media Lab di MIT per fornire in tempo reale Monitor di salute per coloro che presentano condizioni croniche di salute come il diabete.

Scrivono: “le possibilità di sviluppo in futuro per i sensori indossabili sono senza limiti, liberandoci dal banco di laboratorio e analizzando direttamente sul posto e istantaneamente le sostanze chimiche”.

Via

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24