Borsa Italiana oggi 09 ottobre 2019

Borsa Europa conferma rossa con paura recessione, Milano -1,3%

 

MILANO – Borsa Europa conferma rossa con paura recessione, al giro di boa di metà seduta. A mettere un freno è l’incubo recessione e i timori di un’ulteriore stretta da parte della banche centrali mentre lo sguardo è già domani con i verbali della Fed e a giovedì con l’inflazione Usa. L’indice d’area, lo Stoxx 600, cede quasi un punto percentuale con l’energia e i finanziari più di altri sotto vendita.

Negativi anche i future su Wall Street. In Europa Milano resta la peggiore con il Ftse Mib che lascia sul terreno l’1,3% (20.600 punti). Lo spread tra Btp e Bund viaggia a ridosso dei 240 punti con il rendimento del decennale italiano al 4,7%. Nel paniere principale male in particolari i bancari con Banco Bpm (-2,7%), Bper (-2,3%), Unicredit (2,4%). Sotto pressione poi Eni (-2,7%) con la flessione del petrolio (wti-2,4% sotto 89 dollari al barile e brent -2,1% sopra 94 dollari al barile).

Borsa Europa conferma rossa con paura recessione, Milano -1,3%

Male poi Tim (-3,6%) mentre Cassa depositi e prestiti ha chiesto di estendere il termine per l’offerta per la rete. Tiene, invece, nel credito Mps (+1,2%) nel giorno del cda chiamato alla stretta sull’aumento da 2,5 miliardi. Tra gli altri listini Francoforte e Londra cedono lo 0,9%, Parigi lo 0,6 per cento.

Sempre sotto i riflettori il gas con i Ttf ad Amsterdam in rialzo del 3% sotto i 160 euro al megawattora mentre si si allungano a novembre i tempi per l’intesa sul piano d’azione europeo sull’energia. Sul fronte dei cambi l’euro si apprezza sul dollaro con cui scambia sopra quota 97. La sterlina è invece debole sul dollaro e piatta sull’euro. La valuta inglese scede dello 0,2% sul biglietto verde.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24