Charlie Watkins, il ventiduenne morto suicida

Charlie Watkins: la tragica fine di un ragazzo che voleva essere amato

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Charlie Watkins era un ragazzo di 22 anni, all’apparenza allegro e spensierato, ma con molti demoni dentro di sè. Si è suicidato il 13 marzo scorso, impiccandosi nella sua camera da letto. Aveva da poco perso il lavoro presso il Museo del Cioccolato, a York, dopo aver partecipato allo show britannico “Take me out”.

Charlie Watkins: una vita tra luci e ombre

Chiarlie Watkins si era da poco laureato in criminologia e aveva trovato un lavoro presso il Museo del cioccolato “York Chocolate Story”, a York. Sembrava felice. Dentro, però, covava dei demoni. Uno dei suoi rimpianti era quello di “non trovare una donna per trascorrere il resto della mia vita”.
Per questo motivo aveva deciso di prendere parte al programma “Take me out“, visto anche in Italia su Real Time. Quella partecipazione, però, gli è costata il posto di lavoro.
Le riprese del programma lo hanno, infatti, spinto verso i Maidstone Studios, nel Kent. Dato che era ancora in prova, la “York Chocolate Story” lo ha licenziato quando è tornato.
E’ stata questa la goccia che ha fatto traboccare il suo già non stabile status psichico.
In passato, infatti, Charlie aveva sofferto di depressione. All’età di nove anni, il ragazzo aveva perso la madre. Nei successivi cinque anni, anche nonno, nonna e zia morirono.

[adrotate banner=”16″]

Un ragazzo solare, ma…

Charlie è descritto da tutti come un ragazzo solare, ma, in realtà, nascondeva ancora dei demoni. Suo fratello gemello, Harry, ha affermato di non sapere “che stesse ancora combattendo contro la morte di nostra madre. Credevo fosse migliorato.” 
Il suo compagno di lacrosse, nonchè coinquilino, Swabir Abdul Rahmam, ha dichiarato che il suo amico “amava molto il suo lavoro alla Fabbrica di Cioccolato. Era felice“. Quando perse il lavoro,di colpo, si trovò senza uno scopo.
La sua famiglia ha creato  a nome di Charlie una fondazione per aiutare altri ragazzi a combattere la depressione.
Rimangono le immagini di un ragazzo che cercava solo di essere amato, ma che, non è riuscito ad aprire il suo cuore perchè gli altri capissero realmente cosa avesse dentro.

VAI 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24