Clamoroso all’Isola dei Famosi, denunciato un naufrago

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Clamoroso all’Isola dei Famosi lo scenario che si è aperto nelle ultime ore e che riguarda il concorrente Blind. Infatti, il giovane rapper, originario di Perugia, è stato denunciato dalla madre Valerica Rujan. Blind, all’anagrafe Franco Rujan, ha iniziato il suo successo partecipando a X Factor dove giunse terzo. Dopo quell’esperienza ha deciso di continuare a mettersi alla prova, partecipando proprio all’Isola dei Famosi. Qui, ha rivelato di aver avuto un passato davvero difficile che è riuscito a superare grazia alla vicinanza e all’amore della sua fidanzata Greta.

 

Clamoroso all’Isola dei Famosi. Ecco cosa è successo

Il racconto fatto dal giovane Blind non è piaciuto a sua madre, che in un’intervista rilasciata a La Nazione ha affermato: “Sono contenta per la sua carriera, per il suo percorso. Ma su alcuni aspetti dei suoi racconti, in particolare sulla sua famiglia, be’ non è completamente sincero. Posso capire, ma non trovo giusto quello che dice di me. Finché è stato con noi, ho sempre fatto di tutto per garantirgli un tetto, da mangiare, tutto quello di cui aveva bisogno. Anche sopra alle mie possibilità”.

La donna che vive con il fratello di Blind di 16 anni, sostiene che a stento riescono ad arrivare  a fine mese. Inoltre, ha chiesto al giudice civile di Perugia, che il figlio Blind rispetti l’obbligo agli alimenti, previsto dal codice civile, articolo 433 e seguenti, vista la situazione di necessità in cui i familiari si trovano. Ora spetterà al giudice decidere il da farsi. Non resta che attendere lo scorrere del tempo per capire come andrà a finire la vicenda. E il naufrago, attualmente in gioco all’Isola dei Famosi, verrà messo al corrente di questa situazione? Come reagirà? Non resta che attendere la puntata di lunedì per capire se questa delicata tematica verrà trattata in studio dalla conduttrice Ilary Blasi.

 

 

 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu