compravendite di posti di lavoro

Compravendite di posti di lavoro ed esami “facili”

 

Due arresti a Napoli per compravendite di posti di lavoro e esami facili

I Carabinieri del Nas di Napoli hanno arrestato un ex dipendente dell’Università Federico II, Ciro Palumbo, e un ex poliziotto, Domenico Del Giaccio, per presunte compravendite di posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione e di titoli di studio universitari.

Palumbo prometteva assunzioni in cambio di cospicue somme di denaro

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, è iniziata in seguito all’intercettazione di alcune conversazioni telefoniche sospette. In quest’ultime, infatti, Palumbo prometteva assunzioni negli enti pubblici, il superamento di esami universitari ed anche dei test di ingresso alla facoltà di Medicina e Chirurgia; il tutto in cambio di considerevoli somme di denaro.

Le conversazioni telefoniche si intensificavano in vista dei test d’ingresso all’università

Dalle indagini svolte sarebbe inoltre emerso che il sospettato cercava di dimostrare alle vittime delle sue millanterie il positivo sviluppo delle “pratiche” in corso chiedendo loro la produzione di varia documentazione, fingendo di fissare colloqui propedeutici alle assunzioni e di rapportarsi realmente con i “funzionari” incaricati.

L’inchiesta ha registrato l’intensificarsi delle predette condotte soprattutto a partire dalla fine del mese di Luglio 2017, in vista dei test di ingresso per l’ammissione alla Facoltà di Medicina.

In questo periodo sono anche aumentate le proposte in ordine al conseguimento di posti di lavoro presso diversi uffici della Pubblica Amministrazione, soprattutto presso la “Federico II”di Napoli e presso ospedali del territorio partenopeo.

Fonte Immagine: Vicenzapiù

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24