Herman Guntherberg dichiara di essere Hitler

Herman Guntherberg, ha 128 anni ed è convinto di essere Adolf  Hitler

Questo anziano uomo che vive in Argentina ha sconvolto tutti rivelando di essere Hitler.

La storia

In un’intervista rilasciata ad un famoso giornale ultra-conservatore Guntherberg spiega di essere stato da giovane il dittatore tanto temuto. Esso si è nascosto per tutto questo tempo perché temeva di essere preso e ucciso dai servizi segreti israeliani. Infatti ha deciso di uscire allo scoperto quando gli stessi l’anno scorso hanno annunciato di non voler più perseguitare i criminali nazisti.

Nella sua storia ha raccontato di aver raggiunto l’Argentina nel 1945 grazie ad un passaporto falso realizzato appositamente dalla Gestapo.

Herman ha successivamente rivelato di aver scritto un’autobiografia in cui racconterà una volta per tutte la verità su Hitler.

“Sono stato descritto come un cattivo solo perché abbiamo perso la guerra. Quando la gente leggerà il mio lato della storia, cambierà il modo in cui mi percepisce”.

Nonostante l’anziano signore affermi di essere Adolf Hitler in persona in pochi sembrano disposti a credergli. Persino la moglie, Angela Martinez, crede che le sue dichiarazioni siano il frutto della demenza senile che continua ad avanzare con l’età. La donna sostiene che il marito non aveva mai parlato di Hitler, sino a due anni fa, quando ha mostrato i primi segni dell’Alzheimer.

Inoltre racconta che a volte, dimentica chi è e dove si trova. Sembra che sia in stato di trance e inizia a parlare di ebrei e demoni. Poi però torna alla normalità. E’ assolutamente convinta che suo marito sia stato un nazista.

Secondo il pensiero di molti ora la mente di Herman inizia vacillare. E non essendo più attiva come prima i ricordi della guerra starebbero riaffiorando, così tormentandolo e portandolo a comportarsi in questo modo alquanto strano e bizzarro.

Fonte

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Davide Luciani


Articoli consigliati: