Mughini

Inter, Mughini sbotta: “Quello scudetto di cartone è ancora nella loro bacheca. Nessun illecito della Juve, lo recita la…”

Condividi su:

 

Sono passati ormai 18 anni dalla famosa Calciopoli con la retrocessione in Serie B della Juventus, che ai tifosi bianconeri non è andata mai giù, anche per via dello Scudetto assegnato all’Inter a tavolino. A riguardo, un pò di tempo fa il giornalista e scrittore Giampiero Mughini, ha scritto una lettara durissima a Dagospia, dove ha sparato a zero sul club nerazzurro.

Giampiero Mughini sbotta contro l’Inter

Lo so, lo so, che quella porcata di Calciopoli, ossia una giuria messa in piedi da un ex membro del Consiglio di Amministrazione dell’Inter che assegna lo scudetto alla società nerazzurra, che in quel campionato era finita terza a 14 punti dalla Juve,  è stata confermata dalle successive giurie che hanno giudicato “inammissibile” il ricorso presentato da Andrea Agnelli. Giurie che non hanno mai avuto il coraggio di giudicare autonomamente le vicende di quel torneo, seppure fosse successivamente venuto fuori che un alto dirigente dell’Inter facesse ai designatori arbitrali le stesse identiche telefonate che faceva Luciano Moggi. Telefonate le une e le altre che io non giudico affatto illecite…”.

Il giudice sportivo ha successivamente giudicato l’Inter altrettanto colpevole, solo che nel frattempo era arrivata la prescrizione. Sicché quello scudetto di m… e di cartone figura ancora nella bacheca della società nerazzurra, appestando gli scudetti vinti da una delle squadre più prestigiose del Novecento… Ho letto, riletto e studiato gli atti processuali di Calciopoli. Non c’è un solo episodio, non c’è un solo gol, non c’è una sola partita, non c’è un solo arbitraggio di cui sia stata ravvisata l’illiceità in tutti e due i tornei stravinti dalla Juve di Fabio Capello. Niente di niente. Lo recita la sentenza della Cassazione pur nel confermare la condanna di primo grado al tribunale di Napoli”.

LEGGI ANCHE: Juventus, Bonolis: “Negli ultimi 30 anni è sempre finita in mezzo ad ogni inchiesta. Se la cantano e se la suonano come…”

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Riva