Offerte Internet casa: senza la linea telefonica si risparmiano 34 euro all’anno

Internet casa: cresce la diffusione della fibra FTTH e della Ultra FTTH. In calo ADSL e FTTC

Condividi su:

 

MILANO – Internet casa: in Italia si naviga più veloce, grazie alla sempre maggiore diffusione della fibra FTTH, ormai da anni in crescita costante. Dall’estate scorsa si registra un grosso balzo in avanti anche dell’Ultra FTTH. Mentre retrocedono la fibra misto rame, la FTTC, meno performante, e la vecchia ADSL, che tuttavia ad oggi resta una tecnologia di connessione ancora molto presente nelle case degli italiani.

L’indagine condotta da SOStariffe.it e Segugio.it fa luce sullo stato diffusione delle varie tecnologie di connessione da rete fissa. La fibra ottica prosegue la sua avanzata in Italia: è ormai sempre più facile accedere ad una tecnologia ad alta velocità per connettersi da rete fissa.

Internet casa: cresce la diffusione della fibra FTTH e della Ultra FTTH. In calo ADSL e FTTC

Gli italiani optano sempre di più per la fibra ottica FTTH e per la Ultra FTTH (ovvero la fibra con velocità massima superiore ai 2,5 Gbps in download). Nello stesso tempo, invece, si riduce drasticamente il ricorso alla fibra mista rame, la meno performante FTTC. Anche se una parte della popolazione resta ancora “affezionata” alla vecchia ADSL, anche per via dell’indisponibilità di soluzioni più recenti e performanti.

L’ultimo Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it analizza la diffusione delle tecnologie di connessione di rete fissa in Italia tra il 2021 e il 2022, andando a mettere a quantificare la crescita della fibra ottica tra gli utenti italiani. Ecco cosa è cambiato in un anno. Nell’ultimo anno grosso balzo in avanti della fibra FTTH.

Internet casa, negli ultimi sei mesi cresce invece l’Ultra FTTH

A livello nazionale lo studio, condotto su utenti che si sono serviti dei comparatori SOStariffe.it e Segugio.it per attivare una nuova offerta, restituisce un quadro in cui la fibra ottica FTTH si spinge sempre più in avanti. La sua diffusione, in costante crescita negli ultimi anni, ha subìto una brusca accelerazione nel corso del 2022. Se confrontiamo l’ultimo trimestre del 2021 e lo stesso periodo del 2022, infatti, assistiamo ad un incremento dal 21% al 38% del totale, con un miglioramento di 17 punti (considerando anche le connessioni Ultra FTTH da almeno 2,5 Gbps).

Nel corso di questi mesi, anche l’Ultra FTTH ha fatto registrare un passo in avanti significativo dal 14 al 26%, con un miglioramento di 12 punti. Dall’estate scorsa, quindi negli ultimi sei mesi del 2022, la Ultra FTTH è esplosa, con un incremento di 9 punti percentuale tra terzo e quarto trimestre dell’anno che ha portato questa tecnologia fino al 26% del totale. Negli ultimi sei mesi del 2022, invece, la FTTH (da meno di 2,5 Gbps) ha risentito di una battuta d’arresto, retrocedendo di circa tre punti, dal 15% al 12%, segnale di un aggiornamento continuo delle reti della fibra ottica più veloce.

Internet casa, verso l’abbandono della fibra mista rame FTTC. La vecchia ADSL sta via via scomparendo

Gli italiani scoprono le prestazioni della fibra ottica più veloce e tendono a preferirla rispetto alla fibra mista rame. La FTTC fino al 2021 è stata la tecnologia di connessione con un picco di diffusione del 70% (con un piccolo 73% nel terzo trimestre del 2021). La crescente diffusione della fibra ottica sta modificando gli equilibri del mercato.

Da fine 2021, infatti, la FTTC ha iniziato a perdere colpi, facendo registrare una riduzione di circa 14 punti e arrivando al 57% del totale. Di pari passo al progredire della FTTH, la più lenta FTTC sta retrocedendo, come è evidente nel passaggio dal terzo al quarto trimestre del 2022. In tre mesi la FTTC ha perso 7 punti (passando dal 63% al 57%).

La vecchia cara ADSL, invece, sta ormai per finire in soffitta. Si tratta di una tecnologia sempre più obsoleta nelle prestazioni: se all’inizio del 2021 aveva una diffusione dell’11%, a fine 2022 è scesa al di sotto del 5%. Un dato che indica il suo progressivo abbandono. L’indagine rivela che la banda larga è oggi una scelta per meno del 5% degli utenti che si affidano alla comparazione per trovare una nuova offerta.

Tuttavia, l’ADSL, che per oltre un decennio ha rappresentato la tecnologia più usata, secondo i dati Agcom (Osservatorio sulle comunicazioni N4/2022) è ancora lontana dall’essere messa del tutto da parte: ad oggi copre ancora oltre il 23% delle connessioni attive in Italia. Anche se il passaggio ad una tecnologia ad alta velocità sta diventando via via sempre più facile, la copertura della fibra ottica si ferma ancora solo al 16%. Il Molise naviga velocissimo, seguito da Piemonte e Puglia.

Internet casa, le regioni in cui la fibra ottica è più diffusa

Lo studio si sofferma poi sui dati regionali. Se consideriamo tutte le tecnologie in fibra ottica, quindi FTTH e Ultra FTTH, il Molise guida la classifica di diffusione, unica regione italiana con una percentuale superiore al 50%, seguita da Piemonte e Puglia (entrambe al 47%) in base ai dati raccolti dall’indagine. Valle d’Aosta, Basilicata e Calabria, invece sono agli ultimi posti, con percentuali rispettivamente pari 8%, 23% e 25%.

In queste tre regioni resiste ed è ancora molto diffusa la fibra mista FTTC. Se guardiamo in particolare all’Ultra FTTH invece, Lazio, Piemonte e Liguria sono le regioni in cui questa tecnologia ad oggi si è fatta più strada tra gli utenti, garantendo la possibilità di accedere ad Internet ad alta velocità. Questa tecnologia è quasi del tutto assente in Valle D’Aosta, Basilicata e Calabria.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24