Mal di gola: tutto quello che è necessario sapere per contrastarlo al meglio

L’arrivo della stagione autunnale, porta, immancabilmente, con sé, anche i primi malanni. Una delle malattie più frequenti e, allo stesso tempo, più trascurate, è il mal di gola. Spesso si tende a classificare questo problema di salute come un semplice fastidio più che una vera e propria patologia.
In realtà, può causare parecchi effetti indesiderati e fungere da “apripista” per problemi di salute peggiori. Di frequente, infatti, è accompagnato da febbre, difficoltà a deglutire e dolore.
Per questo è necessario capire bene come agire a riguardo.

Mal di gola: cause e sintomi

Il mal di gola può essere causato da infezioni virali o batteriche, ma anche da stili di vita poco appropriati. Di norma, il principale alleato di questa malattia è il freddo, ma esistono anche altri agenti scatenanti meno noti. Per comprendere come combattere questa patologia è necessario distinguerne i vari tipi.
Nella maggior parte dei casi il mal di gola è provocato dai virus. La sua forma più comune è la faringite acuta, caratterizzata da arrossamento, dolore localizzato, difficoltà di deglutizione  e, a volte, tosse e catarro. Riguarda il 75% degli interventi medici. In questo caso, non serve alcun tipo di trattamento, perché si tratta di un’infezione che è in grado di guarire da sola.
Di diversa natura è la laringite.

Parliamo dell’infiammazione della laringe e delle corde vocali. Questa malattia può avere due diverse forme. In quella acuta è generalmente dovuta a infezioni virali o a un uso eccessivo della voce.  Non a caso, è una patologia a cui vanno spesso soggetti i cantanti.
In quella cronica può, invece, essere dovuta, tra le altre, ad abuso di alcol e fumo.
I sintomi di questa forma influenzale sono la raucedine, l’abbassamento della voce e la periodicità di tosse secca.
In caso di fase cronica è necessario contattare il proprio medico curante per una terapia ad hoc.
La tonsillite, infine, è la classica malattia che colpisce soprattutto i bambini. È facilmente riconoscibile dall’ingrossamento delle tonsille. Nella sua forma virale, viene curata con i comuni farmaci da banco. Se, invece, è dovuta ad un’infezione batterica sono necessari gli antibiotici.
Occorre ricordare che il famoso intervento alle tonsille, con la loro rimozione, è una pratica, ormai quasi desueta. In genere viene applicata solo a pazienti particolarmente gravi che non rispondono ai trattamenti convenzionali.

Prevenzione della malattia

“Prevenire è meglio che curare” è un detto sempre di moda, quando si tratta di malattie di questo genere. Evitare di beccare un fastidioso mal di gola, è possibile, facendo attenzione al proprio stile di vita.  Esistono cause che molti ignorano, ma che, risultano “letali” per la salute del nostro apparato orale. Di seguito alcuni consigli di Neoborocillina sul mal di gola.
Contrariamente alla credenza popolare, una delle cause maggiori di questa forma influenzale è l’assunzione di bevande a temperature troppo elevate. Queste, infatti, possono causare un irritazione delle mucose della gola.
Lo stesso effetto può essere dato da cibi piccanti o alcol che “stimolino” in modo particolare la nostra faringe.
Le cause più comuni del mal di gola sono, invece, gli sbalzi di temperatura e il fumo.

Un corretto stile di vita, può, quindi, evitare queste forme influenzali.
Per quel che riguarda la prevenzione della malattia, invece, esistono metodologie che, per quanto banali, sono senza dubbio efficaci.
Bere molti liquidi, garantisce il giusto grado di umidità alla gola e previene la disidratazione
Gli umidificatori, sono un altro alleato contro questa malattia, anche se di uso non tanto comune come si dovrebbe.
In linea generale, evitare di fumare, coprirsi bene quando si esce e non usare oggetti altrui di uso comune (spazzolino, bicchieri, posate) è un ottimo inizio per evitare di trovarsi poi ad affrontare un fastidioso “formicolio” alla gola.