Modding: i 4 migliori smartphone nel 2019

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Una tra le infinite potenzialità più apprezzate degli smartphone Android è da sempre il modding. Si tratta di un mondo vasto che include sia semplici modifiche al tema di sistema sia modifiche sostanziali, come ad esempio la sostituzione dell’intero sistema con uno più leggero e personalizzato. Questi sistemi si chiamano Custom ROM e si possono scaricare e provare attraverso un noto forum, XDA.

Normalmente modificando lo smartphone si ottiene un gran numero di nuove funzioni, il miglioramento delle prestazioni e della durata della batteria. Sebbene si tratti di sistemi e modifiche non ufficiali, paradossalmente aumenta anche la sicurezza del proprio smartphone.

Infatti, liberandolo da ogni bloatware, termine che indica i software indesiderati ma preinstallati dalle case produttrici, si ottiene un sistema più pulito e sicuro.

Non tutti gli smartphone Android però sono pienamente supportati. Alcuni a causa del proprio hardware non hanno abbastanza codici per creare sistemi modificati, altri invece vengono bloccati dalle case produttrici, come ad esempio gli smartphone Huawei. Ecco una lista degli smartphone più apprezzati dalla comunità degli smanettoni.

I migliori smartphone per il modding nel 2019

Ecco dunque gli smartphone più recenti che si sono fatti notare di più nella comunità del modding.

OnePlus 6T

 

OnePlus 6T Modding

OnePlus è la produttrice più apprezzata nella community di modders e sviluppatori e OnePlus 6T non fa eccezione. Lo smartphone condivide l’hardware con il suo fratello minore OnePlus 6, già molto supportato. Sempre fluido e veloce, ha diverse Custom ROM disponibili, tutte assolutamente stabili.

[amazon_link asins=’B07HFDPBW8′ template=’ProductCarousel’ store=’technoblitzit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6a168499-d86f-4ab8-b1f7-02d64b34dc3e’]

 

Google Pixel 3

 

Pixel 3 Modding

Il Pixel 3 è una valida alternativa a OnePlus 6T. Privo di notch, ma con un ottimo hardware ed un buon supporto da parte di Google, si presta bene ad ogni operazione di modding. Gli smartphone Pixel purtroppo non sono i degni eredi dei Google Nexus, gli smartphone preferiti dalla comunità, ma hanno un buon numero di tools di supporto e custom ROM stabili e veloci, ottime per aumentare il numero di funzioni e migliorare le prestazioni, già impeccabili di suo.

Qui la sua scheda su XDA.

[amazon_link asins=’B07J5NZY5T’ template=’ProductCarousel’ store=’technoblitzit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’7f928c8c-ea10-4a97-b072-8304dd7e81f8′]

 

Samsung Galaxy Note 9

 

Galaxy Note 9 Modding

Sebbene gli smartphone Samsung siano eccellenti da ogni punto di vista, peccano nella frequenza degli aggiornamenti e nella durata della batteria a causa del loro software. La versione con processore Exynos ha però ricevuto un buon supporto, rendendolo un ottimo smartphone per il modding. Grazie alle varie aggiunte sarà pure possibile emulare correttamente il funzionamento della penna, senza perdere questa funzione importante e basilare.

Qui la sua scheda su XDA.

[amazon_link asins=’B07G4M9S74′ template=’ProductCarousel’ store=’technoblitzit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6de96e34-f907-4d38-a36d-5c09ef60b3cb’]

Pocophone F1

 

Pocophone F1 Modding

Infine il Pocophone F1, economico e prestante, è un ottimo smartphone di Xiaomi. Purtroppo il suo software originario pecca di molte ottimizzazioni e di molte funzioni, oltre ad essere pieno di “bloatware”. Una buona custom ROM riesce a liberare il suo vero potenziale e grazie al supporto ricevuto dalla comunità è possibile scegliere tra diverse custom ROM.

Qui la sua scheda su XDA.

[amazon_link asins=’B07GTD2XDF’ template=’ProductCarousel’ store=’technoblitzit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’4826a523-8c75-467e-86ac-7103dca0408b’]

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24