Novità circolare 15 AdE invio telematico corrispettivi

Novità circolare 15 AdE invio telematico corrispettivi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Online le novità della circolare 15 AdE sull’invio telematico corrispettivi

Roma, 01 luglio 2019 – Contabilità e fisco: qui le novità della circolare 15 AdE sull’invio telematico corrispettivi e la loro memorizzazione.

 


Dal 1 gennaio 2020 entreranno in vigore le novità fiscali per i commercianti al minuto, ed assimilati; dunque, saranno obbligati alla memorizzazione elettronica dei corrispettivi giornalieri ed alla relativa trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate. Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi che scatta da oggi per i soggetti con un volume d’affari superiore a 400.000€. Sanzioni “congelate” per le evidenti difficoltà nell’adempiere a quanto stabilito dalla normativa di riferimento per le novità in questione.


[adrotate banner=”37″]

A decorrere dal 1 gennaio 2020, coloro che effettueranno le operazioni soggette alla normativa per il commercio al minuto ed attività assimilate, dovranno provvedere:

  • alla memorizzazione elettronica;
  • nonché alla trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate;

dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri, in sostituzione agli obblighi previsti dall’articolo 24, primo comma DPR 633/72. Ricordiamo che l’emissione della fattura non è obbligatoria, se non e’ richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell’operazione.

Novità circolare 15 AdE
memorizzazione dati ed invio telematico corrispettivi da oggi 01 luglio 2019
senza sanzioni

Le predette disposizioni entrano in vigore da oggi 01 luglio 2019 per i soggetti con un volume d’affari superiore a 400.000€”.

La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica sostituiscono l’obbligo di certificazione fiscale dei corrispettivi (art.12, c.1, Lg. 30/12/1991, n.413, e D.P.R.21/12/1996, n. 696).

L’articolo 12-quinquies del D.Lg.30/04/2019, n. 34 (“Decreto Crescita”) prevede che i dati relativi ai corrispettivi giornalieri siano trasmessi telematicamente entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione.

Restano gli obblighi di memorizzazione giornaliera dei dati relativi ai corrispettivi nonché i termini delle liquidazioni periodiche IVA.

Le sanzioni non si applicano in caso di trasmissione telematica dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri:

  • entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione;
  • nel primo semestre decorrente dal 1° luglio 2019 per i soggetti con volume di affari superiore a 400.000€;
  • ed anche dal 1° gennaio 2020 per gli altri soggetti;

fermi restando i termini di liquidazione dell’IVA.

L’esenzione dalle sanzioni riguarda anche i soggetti passivi IVA che:

  • hanno messo in servizio il registratore telematico;
  • ma effettuano la trasmissione telematica entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

Memorizzazione dati dei corrispettivi ed invio telematico
la procedura web alternativa ai registratori di cassa telematici

Come alternativa ai registratori di cassa telematici, sarà possibile la memorizzazione dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri e la trasmissione all’AdE tramite il nuovo servizio web disponibile nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi.

La trasmissione all’Agenzia delle Entrate deve avvenire entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione.

La nuova procedura web consente di predisporre online un documento commerciale, la memorizzazione ed anche la trasmissione all’Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi.

L’esercente potrà, quindi, stampare e consegnare il documento commerciale al cliente su carta; oppure, inviarlo via email od anche con altra modalità elettronica autorizzata dal cliente.

Altre notizie di economia sulla pagina del sito.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".