museomix

Museomix: la creatività entra al museo

intopic.it feedelissimo.com  
 

Museomix: la creatività entra al museo. A Firenze prende il via l’iniziativa per vivere la realtà museale in modo nuovo

Il Museo di Antropologia ed Etnologia dell’Università di Firenze si rimette dunque in gioco con Museomix, laboratorio creativo e multidisciplinare per ripensare il modo di vivere i musei.

Chi l’ha detto infatti che la creatività non è roba da museo?

Ideato in Francia e diffuso a livello internazionale, il progetto seleziona l’Italia, per l’edizione 2019, due sole realtà espositive: le collezioni etnografiche del Sistema Museale dell’ateneo fiorentino e il Museo della Città di Ancona.

Museomix, la maratona al Museo di Antropologia ed Etnologia di Firenze è in programma dall’8 al 10 novembre

Giorni durante i quali comunicatori e designer, maker e programmatori informatici, esperti delle collezioni e mediatori culturali, lavoreranno in gruppo per realizzare innovativi strumenti tecnologici.

Insieme a originali percorsi di visita, utili a migliorarne la fruizione e a coinvolgere nuovi pubblici.

Il supporto inoltre sarà fornito da Forme, associazione culturale impegnata nella diffusione dell’arte contemporanea sul territorio fiorentino e nella promozione di artisti emergenti.

Come partecipare

E’ aperta la prima call (scadenza 30 giugno) per candidarsi.

Alla fine del percorso saranno 18 i museo-mixer che si cimenteranno nel tentativo di creare un’esperienza più coinvolgente e vicina alle esigenze di un pubblico contemporaneo.

Nei mesi di avvicinamento a Museomix – che in Italia è diffuso grazie a BAM! Strategie culturali – saranno organizzati alcuni Aperomix.

Si tratta cioè di eventi aperti al pubblico pensati per avvicinare e coinvolgere cittadini, studenti e comunità straniere, con l’obiettivo di far conoscere le collezioni.

E, allo stesso tempo, favorire la più ampia partecipazione al processo di rivitalizzazione del museo.

Il primo Aperomix è fissato giovedì 20 giugno (ore 11 – via del Proconsolo, 12).

Ricordiamo infine che il Museo di Antropologia ed Etnologia, nato per raccogliere le testimonianze delle più varie culture del mondo, contiene oltre 25.000 oggetti di interesse etnologico.

Vi sono esposti reperti che illustrano gli usi e i costumi dei popoli, provenienti da viaggi di esplorazione e missioni scientifiche tra 800 e 900.

Come, per esempio, quella di James Cook nel Pacifico o la raccolta di Fosco Maraini nell’isola di Hokkaido in Giappone.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.