Papa Francesco: "Terza guerra mondiale in corso non esclude tragedia nucleare"

Papa Francesco prega per le persone che soffrono a causa della guerra

Condividi su:

 

CITTA’ DEL VATICANO – Nell’ultimo Angelus del 2023, Papa Francesco si è rivolto a migliaia di fedeli riuniti in Piazza San Pietro con un appello appassionato per la pace nel mondo, pregando specialmente per coloro che soffrono a causa dei conflitti armati. Il Pontefice ha esortato la folla a riflettere sulle vite umane dilaniate dalla guerra e a trovare il coraggio di chiedersi quanto ancora la violenza persista nel mondo. “Avvicinandoci alla fine dell’anno, troviamo il coraggio di chiederci quante vite umane sono state dilaniate a causa dei conflitti armati”, ha implorato Papa Francesco, evidenziando la necessità di una profonda riflessione sullo stato attuale del mondo.

Bergoglio ha poi invitato i presenti a unirsi a lui in una preghiera speciale per le persone coinvolte in varie zone di conflitto, compresi il popolo ucraino martire, i palestinesi, gli israeliani, i sudanesi e tanti altri. Il Pontefice ha sottolineato l’importanza di diffondere il messaggio di pace e solidarietà, superando le barriere culturali e religiose che spesso alimentano i conflitti. Ha inoltre ribadito il suo impegno per la promozione di un dialogo aperto e costruttivo tra le diverse comunità, sottolineando che la pace è un bene indispensabile per la costruzione di un mondo migliore.

Papa Francesco prega per le persone che soffrono a causa della guerra

Durante l’Angelus, Papa Francesco ha anche richiamato l’attenzione sulla sofferenza delle persone coinvolte nei conflitti e ha esortato i leader mondiali a lavorare insieme per porre fine alla violenza e stabilire basi solide per la riconciliazione. Ha sottolineato che ogni vita umana è preziosa e che il mondo deve compiere passi significativi verso una pace duratura. Il Papa ha evidenziato il ruolo fondamentale della preghiera nella ricerca della pace, incoraggiando tutti a pregare per il superamento delle tensioni e per la guarigione delle ferite causate dai conflitti bellici. Ha sottolineato che, anche nelle situazioni più difficili, la preghiera può essere una forza unificante che ispira azioni concrete per il bene comune.

In chiusura del suo messaggio di fine anno, Papa Francesco ha rinnovato il suo appello per la pace nel mondo, chiedendo a tutti di impegnarsi attivamente per costruire ponti di comprensione reciproca e di lavorare insieme per un futuro in cui la fratellanza e la solidarietà prevalgano sulla violenza e sulla divisione. La sua preghiera finale è stata un invito a sperare in un mondo in cui la pace regni sovrana e in cui ogni persona possa vivere senza la paura costante della guerra.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24