Metallica

Metallica: partorisce durante il concerto sulle note di Enter Sandman

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I Metallica le hanno viste tutte, ma quello che ha accaduto qualche giorno fa ha dell’incredibile. Durante il concerto della band a Curitiba, in Brasile, una donna ha dato alla luce un bambino. Joice M. Figueiró, questo il nome della fan dei Metallica, ha partorito il figlio Luan nel punto medico del concerto, quando mancavano poche canzoni alla fine dello show. La donna ha pubblicato un post sui social e anche la stessa band ha gioito per questa splendida notizia.

Sorpresa al concerto dei Metallica

Joice M. Figueiró, una tatuatrice brasiliana, ha partorito lo scorso sabato ma non in ospedale. La donna era infatti al concerto dei Metallica a Curitiba nonostante fosse in stato di gravidanza avanzata (39° settimana). Joice, seduta nella sezione comfort dello stadio destinata ai diversamenti abili, ha iniziato il travaglio verso la fine del concerto.

La donna è stata subito trasportata nell’ambulatorio nei pressi dello stadio. E sulle note della celebre Enter Sandman ha dato alla luce il figlio Luan. Poco dopo questa curiosa storia è finita sui social, e anche i Metallica hanno pubblicato una storia per festeggiare il lieto evento.

Il messaggio della donna sui social

“Luan Figueiró è venuto al mondo 7 maggio alle 23:15 scuotendo tutte le strutture metalliche”, ha scritto sul suo account Instagram Joice. Il post della donna è stato poi condiviso dai Metallica in una loro storia su Instagram: “Luan ha deciso di nascere tre canzoni prima della fine dello spettacolo, sulle note di Enter Sandman”, ha scritto poi la donna. Quando i sanitari mi han detto di andare in ospedale ormai era troppo tardi ed è nato proprio nello stadio con la musica dei Metallica”.
“In ogni show a cui vado accade qualcosa, ma stavolta credo di essermi superata”, ha scherzato la donna. Il bimbo comunque sta benissimo e  anche la mamma, che però “deve ancora metabolizzare quanto accaduto”.

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli