Silvio Berlusconi: niente più assegno mensile per l’ex moglie Veronica

E’ ufficiale: l’ex premier Silvio Berlusconi (81 anni) non dovrà più versare alcun assegno mensile all’ex moglie Veronica Lario. La somma ingente che il Cavaliere era costretto a versare ogni mese, corrispondeva a ben 1,4 milioni di euro. Tuttavia, ora Berlusconi è sollevato da tale dovere: a deciderlo è stata la Corte d’Appello, che ha accolto il ricorso da parte dei legali del leader di Forza Italia: Valeria De Vellis e Filippo Giuggioli.

L’assegno era stato stabilito in origine dal Tribunale di Monza, che al suo tempo aveva ufficializzato il divorzio tra Silvio e Veronica. Come se questo non bastasse, la signora Veronica Lario (all’anagrafe Miriam Bartolini) dovrà anche risarcire all’ex marito la somma di 46.340.600 euro, corrispondente a quanto percepito da quest’ultima, a partire da Marzo 2014. A questo è da aggiungere anche il pagamento di tutte le spese legali: 44.250 euro.

Silvio Berlusconi: l’inaspettata sconfitta legale di Veronica

Inaspettata sconfitta legale per Veronica Lario, ex moglie di Silvio Berlusconi. Come ci informa Il Corriere della sera su un articolo di oggi 16 Novembre, la donna dovrà risarcire l’ex coniuge di tutti gli assegni mensili recepiti da costui, a partire da Marzo 2014. Eppure, lo scorso Aprile Veronica aveva segnato un punto a suo favore, ottenendo un pignoramento su parte del patrimonio dell’ex presidente del consiglio italiano, pari a 26 milioni di euro.

Tuttavia, la Corte d’Appello ha accolto l’istanza da parte della difesa di Silvio, riguardante l’applicazione della recente sentenza sull’assegno di divorzio della Cassazione. Tale sentenza considera valido lo status di autosufficienza economica e non il tenore di vita all’epoca del matrimonio. Secondo il leader di Forza Italia, Veronica avrebbe un patrimonio inestimabile, consistente in immobili, gioielli ed una liquidità di 16 milioni di euro; visti i presupposti, la signora Lario può dunque ben definirsi autosufficiente.

Ma la guerra giudiziaria non può ancora dirsi terminata

Tuttavia, Veronica ha ancora una possibilità di ‘salvarsi’. Ella potrebbe ancora impugnare il provvedimento che farebbe decorrere il principio di restituzione degli assegni familiari, a partire da Marzo 2014. Sembra scontato dirvi che, molto probabilmente, la Lario procederà a breve in Cassazione tramite i suoi avvocati. Tuttavia, come abbiamo già detto in precedenza, la Suprema Corte ha stabilito, riguardo all’assegno di divorzio, la validità del criterio di autosufficienza.

Via