Tifoso mostra un tatuaggio a Federer che reagisce con stupore: “Ehi mi prendi in giro?” (VIDEO)

 

Roger Federer che tra poco meno di due mesi compirà 41 anni, dovrebbe tornare a giocare ad inizio autunno nella Laver Cup, ma  il campione svizzero fa sempre parlare anche fuori dal campo. Questa volta il protagonista è stato un tifoso di Re Roger, che prima si è alzato in chiedi chiamandolo per vedere se fosse proprio lui, poi una volta avuto la conferma, si è avvicinato abbracciandolo e mostrandogli  il tatuaggio fatto in suo onore.

Roger, Roger, ho un tatuaggio dedicato a te sulla mia pelle“. A questo punto Federer lo guarda sorpreso, quasi estasiato dalle sue parole. “Sei la mia più grande fonte d’ispirazione, continua il tifoso al centro del ristorante con gli altri commensali divertiti per quello che stava succedendo. “Ho davvero un tatuaggio dedicato a te“. Il tennista elvetico stupito ha esclamato: “Ehi mi prendi in giro?” Poi dopo aver controllato effettivamente il tatuaggio a lui dedicato che diceva: “There is no way around the hard work. Embrace it.” con un campo di tennis da contorno (traduzione: “Non c’è modo di aggirare il duro lavoro. Abbraccialo“. Frase proprio di Federer).

Alla fine c’è stata un caloroso abbraccio e una stretta di mano tra i due, con gli applausi di tutta la sala, che ha partecipato con divertimento a questo simpatico siparietto.

Ovviamente il tifoso ha postato il video sul suo profilo twitter con una bella frase annessa: “Il giorno in cui mi sono tatuato Roger Federer ero sicuro che un giorno l’avrei incontrato e gli avrei mostrato che era sotto la mia pelle. Continua a sognare e a lavorare sodo, perché sognare ci fa dare il massimo e poi tutto è possibile. La magia diventa realtà. È un ragazzo così umile“.

 Video tra il tifoso e Federer

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Riva