Nuovo blitz dei Nas al San Paolo di Napoli

Nei giorni scorsi le immagini della degente nel letto d’ospedale, ricoperto letteralmente di formiche, hanno fatto il giro del web. Dopo il fatto che ha lasciato tutti a bocca aperta per lo stupore, tanto appare incredibile, scatta un nuovo blitz dei Nas al San Paolo di Napoli: appalti per l’igiene del nosocomio, per le pulizie e per la manutenzione, questi sono gli obiettivi delle verifiche richieste su mandato della Procura, per ulteriori e approfonditi accertamenti sulla vicenda.

I Nas in azione fin dalle sei di questa mattina

I militari dell’Arma – in tutto quindici uomini – hanno controllato subito i cartellini dei dipendenti, identificandoli mano a mano che arrivavano fin dalle sei di questa mattina. Poi hanno atteso l’arrivo dei due rappresentanti delle ditte in appalto, la Security service per la vigilanza, e l’Esperia per le pulizie, iniziando subito dopo il giro per le corsie e i piani, controllando in ogni minimo particolare tutti i locali. Una perlustrazione che è durata oltre tre ore.

Per i Nas questa è la seconda ispezione, dopo la diffusione delle foto in cui si vede chiaramente una donna anziana (dimessa proprio ieri) ricoverata nel reparto di Medicina, mentre centinaia di formiche scorrazzavano liberamente sul suo letto. Finito il giro di ispezione, i carabinieri al momento stanno lavorando al computer per preparare una lunga relazione, mentre in ospedale i dipendenti non sembrano affatto sorpresi o intimoriti. Il clima, insomma, appare del tutto sereno.

Il direttore sanitario: “L’ospedale San Paolo è pulito, nulla da contestare”

Il direttore sanitario Vito Rago è il primo a parlare: “Erano le 7.15, quando sono arrivato in ospedale, e già il nucleo ispettivo era operativo. L’ospedale è in perfetto ordine, pulito, quindi non credo che abbiano trovato nulla che possa essere contestato. Per quanto riguarda l’identificazione del personale, invece, siamo in attesa che il loro lavoro sia terminato”.

Via

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: