Calenda si chiama fuori: “Azione non vuole entrare in cartelli elettorali che vanno dall’estrema sinistra a Di Maio”

Calenda su Di Maio: “No dialogo con chi cambia idea per convenienza”

 

ROMA – Calenda su Di Maio è stato molto chiaro: “No a un dialogo con lui, perché è esattamente la stessa cosa che abbiamo visto nel corso di tutta questa legislatura, cioè persone che prendono posizioni a seconda di quello che gli conviene, non mostrando alcuna coerenza né, aggiungo, rispetto verso i propri elettori. E dunque io non credo che noi dobbiamo dare spazio a questo modo di fare politica”, ha detto il leader di Azione a Omnibus su La7.

Calenda su Di Maio: “No dialogo con chi cambia idea per convenienza”

“Se c’è il 50% degli elettori che non va a votare – osserva Calenda – è per questo modo di fare politica, e quindi per quello che ci concerne mi fa piacere avere la possibilità di ribadirlo: Azione, insieme a Più Europa, io insieme a Emma Bonino, alle tante liste civiche che anche in queste elezioni hanno avuto ottimi risultati, costruiremo un’area liberal progressista che andrà indipendente dai due poli. E i cittadini potranno scegliere se rivotare le stesse coalizioni solo più contraddittorie, più fratturali, più divise e, quello che sappiamo, senza cultura di governo, incapaci di governare, o provare invece a votare questa nuova area che si proporrà di continuare con Mario Draghi per i prossimi cinque anni, e da questo non cambieremo linea”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24