Chirico attacca l’Inter: “Appena annusano aria di Derby d’Italia diventano incontinenti e iniziano a straparlare. Ad accomunarli tutti è…”

 

Domenica sera all’Allianz Stadium di Torino si disputerà il match Juventus-Inter e il giornalista di fede bianconera Marcello Chirico nel suo editoriale sul “Bianconero” ha voluto dire la sua sulle ultime polemiche riguardanti “Calciopoli“, che in questi giorni ha visto a riguardo le dichiarazioni prima di Massimo Moratti e poi di Luciano Moggi.

Ecco un estratto molto pungente verso i colori nerazzurri:

Non c’è niente da fare, non ce la fanno. Chi? Gli interisti. Appena annusano aria di Derby d’Italia diventano incontinenti e iniziano a straparlare (male) della Juventus. È più forte di loro. Non nego che dall’altra parte gli juventini non facciano uguale quando gli tocca parlare dell’Inter,
Ed ad accomunarli tutti quanti nelle loro esternazioni a cuore aperto è quasi sempre un denominatore comune: Calciopoli.

Ha cominciato la scorsa settimana l’ex patron nerazzurro Moratti. L’altro ieri è stato invece il turno del fedele scudiero morattiano, il vicepresidente interista Xavier Zanetti, un altro che alla Juve non gliene ha mai risparmiate. Così è stato pure stavolta, seppur commettendo un autogol: “Cos’è Juve – Inter per me? Penso al 2005 e alla finale di Supercoppa vinta in casa loro. L’inizio di un filotto vincente”. E bravo Zanetti! Se c’è una partita, ed un Derby d’Italia, che – per usare il vocabolario interista – è stata “derubata” alla Juventus è proprio quella.

Avanti il prossimo! Perché vedrete che nelle prossime 48 che precederanno il derby d’Italia ci sarà qualche altro interista che sparerà ad alzo zero sulla Juve. Magari un Nicola Berti, la cui avversità nei confronti della Juve è nota, essendo arrivato persino a dichiarare anni fa che “quando si gioca contro quelli lì gli scandali sono un’abitudine, sono dei mezzi delinquenti”, e tutti giù a ridere. Tanto chi dovrebbe arrabbiarsi, alla Continassa, fa spallucce e non replica mai. E fa male. Stile Juve? Boniperti non sarebbe mai stato zitto, e Moggi è rimasto l’unico a replicare e difendere la Juve da quegli attacchi. Però la Juventus dovrebbe ogni tanto farlo pure da sola“.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Riva