Petya Ransomare: di che si tratta e come funziona l'attacco informatico

Cyberattacchi e incidenti informatici: circa il 60% delle aziende italiane ha perso fino a 1 milione di dollari nel 2023

Condividi su:

 

MILANO – In Italia, il 76% delle aziende ha subito almeno un’interruzione dei sistemi di rete legata a un cyberattacco, a incidenti informatici che hanno impedito l’accesso ai dati, o a una perdita di dati nel 2023. Questo quanto emerge dal Global Data Protection Index (GDPI) 2023 di Dell Technologies, uno studio realizzato in collaborazione con Vanson Bourne – società di ricerche – che ha analizzato le risposte provenienti da un panel di decisori aziendali a livello globale. Significativi gli impatti economici di un simile  scenario. In Italia, circa il 60% delle aziende ha dovuto affrontare costi in un range che varia dai 500 mila a 1 milione di dollari a causa di attacchi o incidenti informatici nel corso degli utili dodici mesi.

A livello europeo, le imprese riferiscono che le violazioni della sicurezza esterne sono state la causa più frequente (40%) che hanno portato a una perdita di dati e/o all’interruzione dei sistemi aziendali. Oltre la metà (55%) di coloro che hanno subito un attacco cyber ha dichiarato che il primo punto di accesso è stato esterno: utenti che hanno cliccato su e-mail di spam o phishing e su link sospetti, credenziali utente compromesse e dispositivi mobili violati. Per quanto riguarda le implicazioni, gli intervistati hanno dichiarato che le interruzioni che includono la perdita di dati sono costate in media 2,61 milioni di dollari nel 2023, hanno comportato una media di 26 ore di inattività non pianificata e hanno causato una perdita di dati di 2,45 TB.

Cyberattacchi e incidenti informatici: circa il 60% delle aziende italiane ha perso fino a 1 milione di dollari nel 2023

Anche i costi associati ai cyberattacchi e agli incidenti correlati sono raddoppiati, passando da 0,66 milioni di dollari nel 2022 a 1,41 milioni di dollari nel 2023. L’IA generativa (GenAI) emerge come leva strategica per rafforzare le difese, con il 52% degli intervistati che afferma che l’integrazione dell’IA generativa fornirà un miglior approccio alla cybersecurity all’interno della propria azienda. Tuttavia, a dimostrazione della duplice natura di GenAI come risorsa difensiva e fonte di complessità, l’88% concorda anche sul fatto che l’adozione di GenAI genererà grandi volumi di nuovi dati. La stessa percentuale (88%) concorda sul fatto che la GenAI amplificherà il valore di specifici tipi di dati.

“La crescita esponenziale dell’Intelligenza Artificiale generativa e l’espansione della stessa in ambienti ibridi e multicloud hanno messo la resilienza informatica e il ripristino efficace degli incidenti al centro dell’agenda di qualsiasi azienda a livello mondiale”, ha dichiarato Filippo Ligresti, vice president e managing director di Dell Technologies Italia. “Continua a espandersi il perimetro che ogni azienda è chiamata a proteggere, così come le minacce informatiche crescono in frequenza e sofisticatezza, mettendo a rischio la stessa continuità operativa e causando ingenti danni economici. Il compito di proteggere i dati e applicazioni critiche è ormai uno dei pillar fondamentali della strategia di business di qualsiasi azienda e gli investimenti impiegati per rilevare le minacce e per definire risposte rapide, grazie all’AI e all’automazione, sono fondamentali per mitigare al meglio gli attacchi”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24