Decuplica il prezzo dell'energia

Decuplica il prezzo dell’energia

 

MILANO – Decuplica il prezzo dell’energia. «Nel comparto dell’energia sta accadendo ciò che fino ad oggi non si era mai verificato», osserva Moreno Scarchini, ceo di EnergRed, E.S.Co. impegnata nel sostenere la transizione energetica delle pmi italiane. A lanciare l’allarme sui drammatici aumenti dei prezzi dell’energia questa volta è EnergRed (www.energred.com), E.S.Co. impegnata nel sostenere la transizione energetica delle pmi italiane, che — seppure in un contesto poco favorevole — è riuscita a realizzare un virtuosissimo impianto di energia 100% da fonte solare in autoconsumo consentendo WBO ItalCables — senza dover affrontare alcun onere finanziario o gestionale — di poter godere di energia elettrica per i prossimi 20 anni un prezzo record assoluto per il nostro Paese: 94 euro al megawatt/ora. «Un prezzo che corrisponde al 14,75% dell’attuale PUN (prezzo unico nazionale) e ad un terzo del costo totale della materia prima energia», mette in evidenza Giorgio Mottironi, responsabile marketing di EnergRed.

A gennaio 2021 il PUN era pari a circa 60 euro al megawatt/ora, mentre a gennaio 2022 è salito a 224 euro (373%), arrivando poi oggi a 637 euro (1.062%). «Insomma, la spesa con cui il nostro comparto produttivo e la nostra dimensione sociale hanno operato e vissuto dal 2004 al 2020 è decuplicata», osserva Moreno Scarchini, ceo di EnergRed.

Decuplica il prezzo dell’energia

Eppure fino all’anno scorso si puntava ancora ad una riduzione dei prezzi dell’energia in ottica 2023. «Non potrà mai accadere, basta vedere la drammatica situazione dei contratti a termine sul 2023» è lapidario Moreno Scarchini. La spesa per la materia prima energia in Italia si avvia così quest’anno a superare i 100 miliardi di euro. «Per fine anno prevediamo un PUN medio a oltre 350 euro al megawatt/ora su base annua, con possibili rincari per le imprese fino a 500 o 600 euro al megawatt/ora», pronosticano gli analisti di EnergRed.com.

Certo è che gli operatori sul mercato elettrico hanno subito perdite negli ultimi 3 anni stimabili in circa 120 miliardi di euro, dovute proprio ad un forte scostamento tra le loro previsioni dei prezzi sul mercato a termine (di solito contratti ad un anno) ed i prezzi che si sono verificati effettivamente sul mercato elettrico giornaliero che copre circa il 95% dei consumi totali del Paese. «Queste perdite dovranno essere recuperate nel tempo nell’unico modo possibile, ovvero attraverso una vendita con giusto margine dell’energia elettrica, aspetto che manterrà alti i prezzi anche in caso di loro progressiva decrescita», spiega Giorgio Mottironi.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24