Giorno della memoria, Montecitorio illuminato di giallo. Online il concerto-evento “Ascoltare la storia"

Giorno della memoria, Montecitorio illuminato di giallo. Online il concerto-evento “Ascoltare la storia”

Condividi su:

 

ROMA – Per il Giorno della Memoria, oggi, dalle 18, fino all’1 di domani, la facciata di Montecitorio si accenderà di giallo, aderendo alla Campagna “WeRemember-Campaign”, promossa dal World Jewish Congress (Wjc), e dell’Unesco, per ricordare il 27 gennaio 1945, quando il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau fu liberato.

È inoltre disponibile sulla webtv Camera, e sui siti di RaiPlay e Rai Parlamento, la registrazione di “Ascoltare la storia, per non dimenticare”: la cerimonia evento, con tributo ai Giusti fra le nazioni di Forze Armate e Forze dell’Ordine, promossa dalla Presidenza della Camera dei deputati – trasmessa lunedì da Rai3, a cura di Rai Parlamento – nel contesto degli appuntamenti del Giorno della Memoria e con la collaborazione del Comitato Nazionale per le Celebrazioni Pucciniane.

Giorno della memoria, Montecitorio illuminato di giallo. Online il concerto-evento “Ascoltare la storia”

La Shoah, o Olocausto, fu il genocidio sistematico perpetrato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Tra il 1941 e il 1945, sei milioni di ebrei furono deliberatamente massacrati nei campi di concentramento e sterminio. Questa tragedia costituisce uno degli episodi più oscuri della storia umana, caratterizzato da deportazioni, torture e omicidi di massa. La memoria della Shoah serve come monito contro l’odio e l’intolleranza, promuovendo la riflessione sulla necessità di difendere i valori umani e i diritti fondamentali. E’ importante non dimenticare, mai, affinché tali vergogne non si ripetano in futuro.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24