Hacker in Florida tenta di avvelenare l'acqua della città

Hacker in Florida tenta di avvelenare l’acqua della città

Condividi su:

 

Un hacker, in Florida, ha tentato di sabotare un acquedotto in Florida. Intorno alle 8 del mattino di venerdì mattina, un dipendente di un impianto di trattamento dell’acqua nella città di 15.000 persone di Oldsmar, in Florida, ha notato una cosa strana. In particolare, il cursore del suo mouse si muoveva in modo strano sullo schermo del suo computer, fuori dal suo controllo. Inizialmente, non era preoccupato. L’impianto utilizzava il software di accesso remoto TeamViewer per consentire al personale di condividere schermate e risolvere i problemi. Il suo capo spesso si collegava al suo computer per monitorare i sistemi della struttura. Ma poche ore dopo, dice la polizia, l’operatore dell’impianto ha notato che il suo mouse tornava a muoversi fuori dal suo controllo. Questa volta non ci sarebbe l’illusione di un monitoraggio benigno da parte di un supervisore.

Il cursore iniziò a fare clic sui controlli dell’impianto di trattamento dell’acqua. In pochi secondi, l’intruso stava tentando di cambiare i livelli di idrossido di sodio della fornitura d’acqua, noto anche come liscivia o soda caustica. In particolare ha spostato l’impostazione da 100 parti per milione a 11.100 parti per milione. A basse concentrazioni la sostanza chimica corrosiva regola il livello di pH dell’acqua potabile. Ad alti livelli, danneggia gravemente qualsiasi tessuto umano che tocca.

Hacker in Florida prova ad avvelenare un interà città

Secondo i funzionari della città, l’operatore ha individuato rapidamente l’intrusione e ha riportato l’idrossido di sodio a livelli normali. Anche se non l’avesse fatto, l’acqua avvelenata avrebbe impiegato dalle 24 alle 36 ore per raggiungere la popolazione della città. Nel frattempo le misure di sicurezza automatizzate per i test di pH avrebbero attivato un allarme e avrebbero rilevato il cambiamento prima che qualcuno subisse danni.

Tali eventi, però, ancora non hanno trovato conferme da parte dei revisori esterni della sicurezza. “Questa è roba pericolosa“, ha detto Bob Gualtieri, lo sceriffo della contea di Pinellas, in Florida, di cui Oldsmar fa parte, in una conferenza stampa lunedì pomeriggio. “Questo è qualcuno che sta cercando, sembra in superficie, di fare qualcosa di brutto“.

Gualtieri ha affermato che l’hacker sembra aver compromesso il software TeamViewer dell’impianto di trattamento dell’acqua per ottenere l’accesso remoto al computer di destinazione. I registri di rete confermano la storia dell’acquisizione del mouse dell’operatore. Ma lo sceriffo aveva poco altro da condividere su come l’hacker ha avuto accesso a TeamViewer o ha ottenuto l’accesso iniziale alla rete dell’impianto. Non ha inoltre fornito dettagli su come l’intruso sia entrato nella cosiddetta rete tecnologica operativa che controlla le apparecchiature fisiche nei sistemi di controllo industriale ed è tipicamente separata dalla rete IT connessa a Internet.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com