I Jethro Tull tornano in Italia in estate con quattro date

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Jethro Tull di nuovo in Italia la prossima estate. La band guidata da Ian Anderson ha annunciato le tappe del prossimo tour, a pochi mesi dalla pubblicazione del nuovo disco in studio The Zealot Gene, uscito lo scorso gennaio. Per lo storica band è un piacevole ritorno nel nostro Paese visto che hanno registrato diversi sold out nell’ultima tour in occasione della tournée nei teatri italiani.

Jethro Tull di nuovo in Italia

Dopo le date sold out tenute nei teatri italiani i Jethro Tull tornano in Italia anche la prossima estate con quattro appuntamenti dal vivo. La band guidata dal flauto di Ian Anderson, che dopo molti anni di digiuno in studio ha pubblicato un nuovo album in studio The Zealot Gene, tornerà nel nostro Paese tra i mesi di luglio ed agosto.

Ian Anderson continua a portare in tour il repertorio della sua storica band.. Il musicista ha senza dubbio un ottimo rapporto con l’Italia e il pubblico italiano finora ha sempre accolto splendidamente uno dei musicisti più rappresentativi della scena musicale del progressive rock.

Le nuove date

Sono quattro finora le date confermate per i Jethro Tull. Il primo appuntamento sarà in Sicilia con un concerto in programma al Teatro Antico di Taormina il prossimo 11 luglio. Due giorni dopo la band sarà ad Udine per il Folkest 2022. Dopo poco meno di un mese la band sarà attesa per altre due date il 7 agosto allo Stadio Tassara di Breno (provincia di Brescia) e il giorno seguente a Villa Bertelli a Forte dei Marmi (Lucca).

I biglietti per le prime tre date sono già acquistabili sui circuiti TicketOne e Ticketmaster

11 luglio 2022 – Taormina, Teatro Antico 
13 luglio 2022 – Udine, Castello di Udine @Folkest 2022
7 agosto 2022 – Breno (Brescia), Stadio Tassara 
8 agosto 2022 – Forte dei Marmi (Lucca), Villa Bertelli 

Tutte le info su questo tour sono disponibili sul sito www.bpmconcerti.com

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli