Il Tour de France è a rischio

Il Tour de France è a rischio. Parla Maracineanu

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il Tour de France è a rischio per l’emergenza sanitaria. Lo sport in tutta la Francia è a rischio per tutta la restante parte del 2020. Lo scenario traballante emerge dalle dichiarazione della ministra dello sport francese Roxana Maracineanu. Come riportato da lastampa.it, la stessa ha affermato: “Lo sport non sarà una priorità nella fase di ripresa dopo la pandemia di coronavirus. Non saremo in grado di tornare negli stadi nell’immediato futuro”.

Maracineanu ha aggiunto che il divieto di raduni pubblici annunciato già da Macron fino a metà luglio, durerà almeno fino a settembre o comunque “fino a nuovo ordine, fino a quando non verrà trovato un vaccino”. A rischiare una fine anticipata non è solo il ciclismo, ma anche il calcio di vertice come la Ligue 1 e Ligue 2, senza dimenticare anche il grande evento tennistico come il Roland Garros.

Il Tour de France è a rischio, le parole della ministra francese Maracineanu

Dalle parole della ministra francese Maracineanu emerge come anche il Tour de France potrebbe ancora essere a rischio. Nonostante la corsa sia stata spostata da luglio a fine agosto, i dubbi sul suo regolare svolgimento sono ancora tanti. Al riguardo ha affermato: “Questo è il nuovo scenario previsto, ma ce ne sono altri. Penso a una ripresa forse a settembre dei campionati, probabilmente a porte chiuse, per poi poter riprendere regolarmente e nelle migliori condizioni a partire dalla prossima stagione. Se non fosse possibile disputarli, non sarebbe la fine del mondo. Dovremmo accettare eventualmente la cancellazione della stagione in corso, per ripartire al meglio dalla prossima”.

La situazione si fa sempre più in salita. Bisogna ricordare inoltre che ogni nazione si trova ad un livello diverso delle emerge. Gli stessi lockdown hanno durate distinte da nazione a nazione. Non resta quindi che monitorare quotidianamente l’andamento dell’epidemia per capirne l’evoluzione.

 

 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu