Lecce-Lazio, i cori contro Umtiti costano un turno di squalifica alla Curva Nord

 

Lecce-Lazio è stato un brutto capitolo per quanto riguarda i cori che sono arrivati soprattutto contro Umtiti. Arriva la sanzione del giudice sportivo sugli episodi di razzismo. Dal settore occupato dai tifosi laziali sono partiti ululati razzisti contro i giocatori del Lecce Umtiti e Banda. La Lazio è stata sanzionata con la chiusura della Curva Nord per un turno di campionato, quello di domenica contro l’Empoli. A fine partita Umtiti, secondo quanto riferito dalla dirigenza leccese aveva pianto, mentre quando l’arbitro Marinelli aveva sospeso la partita per due minuti a causa degli insulti, aveva chiesto di far riprendere il gioco per non darla vinta ai razzisti, secondo quanto detto a fine partita dal presidente dei salentini Saverio Sticchi Damiani.

La Lazio contro l’episodio, ecco il comunicato

La Lazio, con un comunicato ufficiale, condanna gli ululati razzisti durante la partita persa contro il Lecce. Ecco il comunicato: “La S.S. Lazio ha sempre contrastato con tutti i mezzi a disposizione ogni forma di razzismo e discriminazione mettendo in campo iniziative volte a reprimere tali fenomeni, sensibilizzando i propri tifosi su questo tema e agendo nelle sedi preposte a tutela della propria immagine. La S.S. Lazio condanna chi si è reso protagonista di questo gesto deprecabile, vergognoso, anacronistico e offrirà come sempre la massima collaborazione alle autorità per individuare i responsabili. I tifosi della Lazio non sono razzisti e non possono essere associati a pochi individui che ledono gravemente l’immagine del club”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Milano