Manuel blocca una ragazza disabile che sbotta: “Bella figura di m… coda di paglia? Beato te che sei vip e puoi…”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Manuel Bortuzzo al centro di una polemica con il nuotatore che alcuni giorni fa ha assistito al Circo Massimo a Roma, il concerto di “Ultimo” dove era sistemato in un’area privilegiata non accessibili ad altri disabili.

Di questo fatto ne ha fatto denuncia Chiara Maniero disabile ed ex giocatrice di beach volley, costretta alla sedia a rotelle dopo uno schiacciamento alla colonna spinale: infatti quando la ragazza ha chiesto a Manuel via social come mai un disabile non famoso non possa avere l’opportunità che ha avuto lui, Bortuzzo ha deciso di bloccarla. Appena scoperto il blocco, Chiara è andata su tutte le furie:

Eh già bravo Manuel Bortuzzo, beato te che sei vip e puoi vederti Ultimo da sotto il palco, vorrei sapere… il resto dei ragazzi in carrozza dove sono stati esiliati? Lì con te vero? E soprattutto visto che si parla sempre di sicurezza, disabilità e concerti perché allora tu sei lì tranquillo? E le vie di fuga? Qualcuno era al Circo Massimo a vedere Ultimo ? #sottoilpalcoancheio p.s. grazie di avermi bloccato, bella figura di m… coda di paglia“.

E poi: “Nei concerti i disabili vengono costretti a stare in aree predisposte distantissimi dal palco e non vedono quasi nulla, il signor Manuel perché è famoso, invece era sotto palco andando contro tutte le famose norme di sicurezza , ho fatto presente la cosa, ma invece di avere un po’ di empatia con le persone come lui e magari dare una mano visto che è popolare, mi ha bloccato. Ma c’è ancora chi lo difende poverino. Ma ci rendiamo conto che c’è chi paga un biglietto per vedere niente?? E se un disabile si presenta in zona Gold viene mandato via? La gente parla parla ma non sa assolutamente nulla di quello che succede dietro, ci sono petizioni, all’arena di Verona pure delle denunce per valere i diritti di noi disabili perché se può lui, devono poter tutti avere il diritto di stare sotto il palco“.

Autore dell'articolo: Andrea Riva