Miriana-Trevisan

Miriana Trevisan, il racconto shock: “Aggredita in un parco a Roma”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Miriana Trevisan è stata aggredita e minacciata da un uomo mentre stava facendo una passeggiata in un parco di  Roma. Attimi di vera paura per l’ex di Non è la Rai, che ha raccontato in un video l’incredibile disavventura.

Miriana Trevisan racconta l’aggressione subita

L’ex concorrente del Grande Fratello Vip ha rivelato nel suo feed su Instagram quanto le è accaduto. Nel filmato pubblicato sul suo profilo social la si vede in macchina, sconvolta insieme all’amico e fotografo Alessandro.

Allora, ragazzi, entro in diretta perché siamo appena stati aggrediti. Io e Alessandro… Ci hanno tirato delle bottiglie. eravamo in un parco. Io adesso voglio cercare di beccarlo questo”, ha detto la Trevisan.

Poi ha aggiunto: “Stavamo facendo delle foto, non so se avete visto. Siamo ancora un po’ spaventati. Ci ha tirato addosso un bidone con delle bottiglie. Minacciandoci di andarcene. Mi ha detto delle cose in inglese che non voglio ripetere. Avevano a che fare con il mio c**o.

La denuncia dell’ex gieffina

L’accorato racconto dell’ex concorrente del Grande Fratello Vip si arricchisce di nuovi particolari: “C’erano anche delle ragazze che praticavano sport. Siamo in un parco, adesso vi mando anche la zona in cui siamo. Ovviamente puzzava d’alcol, era con una bici. Ci ha seguito“.

Poi la showgirl ha proseguito: “Abbiamo chiesto aiuto a un ragazzo che ci ha accompagnato in macchina. Ho avuto paura che mi volesse tagliare con un vetro. Quindi, questa è Roma. Alle 11 del mattino. Sono nera. Voglio andare a prenderlo, almeno mostrarlo. Ora non so se chiamare la polizia, perché siamo scappati“.

L’amico Alessandro

Nella narrazione di quanto avvenuto è subentrato anche l’amico Alessandro che ha dichiarato: “Adesso chiamiamo la Polizia. Facciamo tutte le cose che si devono fare. Perché si deve… bisogna capire che non si può vivere in questo modo alle 11 del mattino in un parco”.

Quindi ha aggiunto: “Dove c’erano anche dei bambini che giocavano a pallacanestro. Noi stavamo facendo delle foto. È assurdo“.

Autore dell'articolo: Maria Zangrillo