Gf Vip, Miriana, Sophie e Francesca in rivolta contro Signorini: “Soleil troppo protetta. Il pubblico da casa ci deve…”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Più passano i giorni e più alcune coinquiline della casa del Gf  Vip, (più precisamente pensano Miriana, Sophie e Francesca) pensano che Soleil sia troppo protetta e ogni frase o gesto fuori luogo che fa, non viene rimproverata dagli autori e soprattutto dal conduttore del reality durante le puntate Live del lunedì e del venerdì, ovvero Alfonso Signorini.

Soprattutto nell’ultima discussione avuta con Sophie, dove l’influencer italo-americana ha aveva esclamato nei riguardi della giovane ex tronista “Hai più plastica che cervello”, con Signorini che ha condannato in maniera molto blanda l’accaduto, arrabbiandosi invece per fatti decisamente meno gravi (ad esempio Lulù che in superled ha perso troppo tempo nel fare una nomination suscitando la sua ira).

Le tre ragazze parlando dell’argomento hanno detto la loro, a cominciare da Miriana che rivolgendosi a Sophie da dichiarato: “Quello che dici tu non ha lo stesso peso di quello che dice lei. Quello che dici tu in uno stato di rabbia è scorretto. Quello che ti ha detto Soleil, poi niente, cancellato. Ok, andiamo avanti.

Sophie poi ha rincarato la dose: “Ha detto ‘Andiamo avanti, quindi se lo avessi detto io aprivamo un caso. Dato che lo ha detto lei è ok. Allora, andiamo avanti. Mah. Gli altri anni se dicevi una cosa sbagliata uscivi, quest’anno c’è il discorso delle intenzioni“.

Anche Francesca è rimasta molto male di questa situazione: “Io non voglio rimetterci la salute. Soleil non ha chiesto scusa, però Lulù si è dovuta alzare e fare le scuse”. Ha terminato Miriana chiedendo anche l’aiuto del pubblico: “Siamo arrivati a dei livelli…secondo me è il pubblico da casa che ci deve aiutare.

Insomma un caso spinoso: domani sera Signorini come commenterà queste critiche contro di lui? Si difenderà, oppure farà finta di niente?

Autore dell'articolo: Andrea Riva